Farfalle che si posano su rose di panna viola e altre strane idee. Happy b-day to me!

farfalle

Ok ok manteniamo la calma. Lo dico tutto d’un fiato, così fa meno impressione.

Oggièilmiocompleannoecompio27anni!

Chiaro no?

Dalla mezzanotte ho già ricevuto un numero considerevole di auguri e altrettanti “ste a fa vecchij!”, tradotto dal pugliese “stai invecchiando”. Ringraziando per gli auguri, bacini e baciotti rispondo riproponendo anche quest’anno la frase “non sto invecchiando, sono nel fiore degli anni”, che ormai mi accompagna da qualche compleanno a questa parte (come potete leggere qui). Un chiaro escamotage per illudermi che c’è ancora tempo per tutte quelle convenzioni sociali che inevitabilmente e dolente o nolente ti travolgono sulla soglia dei 30 anni, così come tutte quelle responsabilità che soprattutto i tuoi non vedono l’ora che ti assuma: per la serie “quando ti sistemi?”. Suvvia tutti abbiamo i nostri tempi.

Che poi che significa “sistemarsi”. Inevitabilmente si pensa al pacchetto matrimonio, famiglia e figli, e solo allora tua madre sarà soddisfatta, solo allora per lei sarai davvero una donna adulta; in fondo qui nel profondo sud è quello il quadretto ideale. Ma non per me. Non dico che rifiuto tale idea (anche se quella del matrimonio con fronzoli e spese spropositate assolutamente la allontano da me), ma non credo sia concretizzabile in un futuro realmente prossimo e non per mancanza di “dolce metà”, semplicemente per mancanza di stabilità, in primis economica.

Ma lungi da me tali pensieri seriosi in questa giornata che di festa non sarà, perché come ogni anno ribadisco con Agne “è un giorno come tutti gli altri” (semplicemente ti senti dare in maniera scherzosa e malcelata delle vecchia ogni 10 minuti, ma per fortuna avviene solo una volta l’anno). In verità mi aspetta una riunione e finalmente sarà svelata la prima probabile fregatura di questo inizio anno (i particolari qui).

L’unico pensiero festoso è per la torta di compleanno che ormai progetto da giorni. Voglio regalarmi una torta d’effetto, bella, affascinante, viola e sicuramente buona da condividere con chi vorrà farlo, con amici e parenti. Semplicemente perché quest’anno (dopo compleanni insignificanti) mi va così, perché voglio questo, voglio esprimere me stessa con una torta, donarmi una piccola gioia che passi dal gusto, dalla vista, dall’olfatto e arrivi dritta all’anima. Ebbene sì, ho anche disegnato la torta ideale. Spero solo che la realtà si avvicini anche in piccola parte all’immaginazione.

Vi lascio dunque qualche schizzo e disegni liberi come le farfalle che la scorsa notte volavano tra i miei pensieri per poi posarsi sul mio foglio bianco.

Annunci

Pensiero cazzeggio – Nuove posizioni

image

Tra poco si va a nanna. Ultimamente ho assunto una nuova e strana posizione per dormire, soprattutto quando il sonno mi assale nell’ora della “siesta”, nell’ora che che qui viene definita ” dell’abbiocco”. Sì, il momento dopo il pranzo in cui la digestione rallenta qualsiasi movimento corporeo, le rotelline del cervello si bloccano, la vista si annebbia e si sviluppa una sorta di inspiegabile magnetismo con il letto. Così ti adagi dolcemente sul candido giaciglio ripromettendoti che ci resterai “solo” 10 minuti, che si trasformano in una diplomatica “mezz’oretta” (illusione! Sai bene non sarà così). Ed ecco che scatta la posizione. Stesa sul lato sinistro, prendi un altro cuscino e praticamente lo abbracci, stringendo un angolo inferiore tra le gambe, un angolo superiore posizionato sotto il mento. Il braccio destro circonda il cuscino finendo con la mano a penzoloni fuori dal letto, mentre il braccio sinistro spunta a metà dalla parte superiore del cuscino e termina con la mano semichiusa appoggiata sulla fronte. Tendenzialmente col sopraggiungere del sonno si “addormenta” anche il braccio sinistro con quel caratteristico formicolio; ma poco importa perchè in quel momento sembra la posizione più comoda in assoluto. Naturalmente durante il sonno capita di girarsi sul lato destro mantenendo sempre le stesse posizioni solo con lati inversi. La posizione supina è raramente contemplata.
Come sia arrivata a questa posizione inusuale per me non saprei dire. Così come non saprei spiegare come la stessa non venga adoperata di notte.
L’inutilità di questo post è al confine tra il disarmante e la più spicciola frivolezza. Ma d’altronde concedetemelo, il “pensiero cazzeggio” si alza leggero quando la mente si rifiuta di pensare, quando le questioni che ogni giorno ci opprimono si trasformano in palline di carta piccine piccine da lanciare lontano con un colpo d’indice, quando i pensieri più spiccioli ci conducono in un universo tutto nostro. Prima o poi scriverò un’ode dedicata al “pensiero cazzeggio” (quale grande prodotto letterario sarà!).
Ora non mi resta che scivolare tra le braccia di Morfeo.
Buonanotte.

Pensieri dal mio letto – optional di coppia

Allora, sfogliamo un pò il “manuale delle giovani marmotte della coppia”. Cosa c’è dopo la diminuzione/mancanza di baci, carezze, carinerie (vedi i famigerati complimenti),ricerche varie dell’altro? Niente; nel senso che il capitolo in questione non è stato ancora creato e cercato oppure potrebbe solo essere lo scioglimento della trama. Alcuni acclameranno l’interpretazioni di picccoli campanelli d’allarme, altri grideranno alla crisi, e dato che è tutta attorno a noi non sarebbe strano si fosse insinuata in noi.
Un bel pacchetto di accessori che diventa un optional non di serie con il passar del tempo, di molto tempo, quando tutto si appiattisce nella prospettiva della normalità, divenendo un’abitudine difficile da sradicare. Un’abitudine per se stessi in cui fare a meno dell’altra persona è solo fastidioso da attuare.
Così ti ritrovi a lanciare sassi senza nemmeno preoccuparti tanto di nascondere la mano, ti ritrovi a dover quasi elemosinare attenzioni non spontanee, accorgendotene in quell’unico momento di lucidità in cui ti chiedi “cosa stai facendo” di fronte alla sua indifferenza. Ti ritrovi a ricevere quegli optional nei pochi momenti di intimità, in rapporti che sembrano sfiorare la linea del sentirsi un “oggetto” momentaneo per soddisfare bollori di basso ventre, mentre lui palesa il suo pensiero fisso di esplorazione.
L’imputazione di stress, diversi ritmi di vita, altre priorità nella giornata cadono celermente come castelli di carte. Anche tu hai ritmi diversi, ti ritrovi a combattere su più fronti con un lavoro che non ti soddisfa nemmeno e in cui vorresti che in quell’unico momento di isteria mista a paranoia, che la condizione di donna per consuetudine ti mette a disposizione, lui ti mentisse spudoratamente dicendo che hai ragione: assecondare i tuoi sfoghi e pensieri fini a se stessi, senza stare lì a bacchettare, solo perchè ne hai bisogno (tecnica sopraffina questa, che al genere maschile ancora sfugge dopo secoli di esempi e allenamenti).

Ok l’effetto della melatonina si sta facendo sentire, la testa è già sul cuscino, le coperte rimboccate. Non ,manca nulla.
3 2 1… Buonanotte.

Pensieri dal mio letto – espressioni post sesso

Vi siete mai chiesti o avete mai provato la curiosità di vedere qual è la propria espressione facciale dopo aver fatto sesso? O per i romantici dopo aver fatto l’amore? E con questo non intendo una mera curiosità che sarebbe banalmente soddisfatta guardando il proprio viso riflesso nello specchio. Ciò che intendo sarebbe più conoscere l’espressione del proprio viso guardandosi attraverso occhi altrui, e così capire cosa traspare dalle nostre espressioni.
Mi è capitato di sentir dire che, in particolare per le donne, dopo l’atto sessuale il viso diventi più radioso, un effetto paragonabile a una crema anti-età miracolosa. Lo ammetto, una volta è capitato anche a me, dopo aver fatto sesso il partner del momento mi ha detto che avevo una luce diversa negli occhi… E pensare che eravamo al buio…
Indubbie sono le proprietà benefiche del sesso, la capacità di influire positivamente sullo spirito e sul corpo.
Ma quella espressione post atto, quel misto di soddisfazione, appagamento, residui di eccitamento, gli occhi ridenti e ammiccanti, le labbra languide, le gote ancora arrossate… Sono quelle a incuriosirmi.

Intanto mi godo quello stato di beatitudine ed eccitazione aspettando il sonno.

Ebbrezza… di primavera

Giunta è la primavera! Finalmente qualche raggio di sole riscalda il mio viso. È un periodo un po’ in bilico, fuori e dentro di me.

In questo periodo vorrei fare lunghe passeggiate, tra i viali inondati di luce e gli alberi, fino a ieri scheletri d’inverno, conquistati dai germogli verdi pieni di vita. Sfortunatamente in questi giorni non posso: ho un piede un po’ azzoppato a causa di una simpaticissima vescichetta/verruchetta che mi fa in male allucinante. Ed io che mi vedevo già in bici con degli amici per le campagne in fiore… uffa!

Alcune amicizia stanno fiorendo con la primavera. A Dana e Simy ho voluto dare fiducia, ho voluto lasciare la porta aperta per costruire tassello dopo tassello un’amicizia sincera e senza filtri fatti da persone false. I falsi sono stati eliminati, anche se qualche volta sono presenti implicitamente. So bene che anche se non vedo né sento più Noncelapossofare la partita con lei non è chiusa. Per ora, per quel che mi riguarda, lei e il consorte Senzapalle possono continuare a rosicare in un angolino. Però lo ammetto, odio Senzapalle, odio come si sta compostando col mio lui e quanto lo fa soffrire.

Tornando alle cose positive e belle c’è la mostra, che nonostante una prima fase di sfiducia sta andando abbastanza bene; e poi c’è stata la laurea di Andrè. Auguri dottò! Abbiamo preparato in pochi giorni un video scherzoso che gli ha fatto davvero piacere  e che abbiamo proiettato durante la festa. La festa in cui ho bevuto tanto, anzi tantissimo. Insomma ero totalmente ubriaca. Un mix di alcol micidiale che a fine festa, appena sotto casa, ho depositato ripetutamente il un sacchetto di plastica gentilmente porto da lui che mi reggeva la fronte. Scherzando ha sempre detto di volermi vedere ubriaca… Ecco accontentato! Però mi son divertita, mi son lasciata andare e se non mi fossi sentita male mi sarei chiusa volentieri in bagno, o imboscata in qualsiasi altro posto, a fare zozzerie con lui. Questa cosa mi intriga non poco… Poi lui è un fuoco facile da accendere…

La primavera risveglia gli animi, stimola i sensi ed anch’io voglio rifiorire.