Gir(ament)o di… Italia

image

Oggi in giro ci sono più “esperti” di ciclismo che biciclette.

Il Giro d’Italia giunge in Italia (gioco di parole che mi lascia perplessa – mi chiedo da incompetente, infatti, che senso abbia far iniziare la manifestazione ogni anno in un Paese straniero differente) e per questa quarta tappa parte proprio dalla Puglia. Giovinazzo-Bari, una “tappa semplice”, pianeggiante, l’hanno definita gli esperti; 112 Km facili facili, nulla in confronto al “tappone”, definizione attribuita ad alcune tappe che ho trovato su un sito sportivo questa mattina e che da pagana ho riso e deriso ritenendolo un errore proprio del sito, salvo poi essere con massimo stupore smentita da mio padre che me ne ha confermato l’esistenza e l’attribuzione soprattutto alle tappe montane particolarmente piene di insidie. Resta il fatto che “tappone” a me fa ridere, oh. Apro una piccola parentesi. A differenza degli esperti di ciclismo dell’ultima ora, mio padre è un grande appassionato di ciclismo e di biciclette (quando può salta in sella a qualsiasi bici che sia stata modificata dalle sue mani d’oro e fa i suoi giretti, una sorta di percorso liberatorio), nonché di un po’ tutto lo sport in generale; la volata finale (giuro che questo gergo sportivo non è farina del mio sacco) l’ha seguita rigorosamente in piedi, in tensione, con gli occhi sgranati e incollati al televisore. Mio padre non è tipo da tv “pay per view”, da emittenti private e a pagamento, né tanto meno è tipo da stadio; per lui lo sport è libero, pubblico, accessibile a tutti. Sarà per questo che preferisce di gran lunga vedere i programmi d’informazione sportiva, quelli con commenti interminabili, moviole, scambi d’opinione accesi in perfetto stile “processo del lunedì” (per la serie Biscardiailovviù). Poco fa è infatti passato dal ciclismo ad una partita di tennis su una rete x con estrema disinvoltura.

Ma torniamo a questo benedetto Giro d’Italia. Come da qualche anno a questa parte, la carovana rosa (tecnicismi go go go!) passa dalla mia città, Molfetta. Infatti il Giro attraversa solo la città: forse Molfetta non ha “le palle” o i requisiti per proporsi come città di inizio o fine tappa? Noi ci accontentiamo di una toccata e via, che ci frega della gloria (nooooo, ma dove la vedete l’ironia!). Sta di fatto che ti accorgi realmente della sua venuta quando circa una settimana prima del giorno stabilito vedi uomini della multiservizi che rifanno il manto stradale, tappano voragini nell’asfalto e tirano a nuovo solo ed esclusivamente le strade del precorso. Il prossimo anno farò una deviazione verso casa mia e mi rifaccio fare la strada. Altro segno è l’intenso tappezzamento delle strade con cartelli che vietano il parcheggio e la presenza mitologica dei vigili urbani che per l’occasione sono stati moltiplicati chissà per quale arcano sortilegio. Ma il peggio del Giro lo danno i “nuovi esperti”, i tifosi dell’ultimo minuto: come un’orda di zombie invadono le strade, in preda ad un entusiasmo per il ciclismo fino a quel momento assopito chissà dove. I più esaltati amano bardarsi di ogni tipo di gadget acquistato per strada, purché sia rosa, naturalmente con conseguente selfie da pubblicare su facebook con il solito ritornello “ma per fortuna c’è il Giro d’Italia che passa da casa mia”. Sono gli stessi che al passaggio dei ciclisti si sporgono quasi a voler toccare l’idolo ignoto che corre lontano, sono quelli che gli augurano buona fortuna e non sanno nemmeno dove stanno andando e dove finisca la tappa. Sono sempre loro, gli stessi che il secondo immediatamente dopo da baraonda rosa osannano le proprie imprese in bicicletta, mentre il giorno successivo dimenticano completamente l’esistenza di un mezzo di trasporto a due ruote che non abbia un motore.

Senso e controsenso di uno sport per pochi. Insignificanza di persone senza senso (oddiomachehodetto?)

Il Giro d’Italia questa mattina l’ho visto a Bari. No, non sono accorsa al traguardo; ho semplicemente sorpassato la carovana sulla strada statale. Giusto per coerenza.
image

Italiani, popolo di buone forchette… e cucchiai

Novanta minuti non bastavano. Centoventi nemmeno. E allora rigori!

Un Montolivo che tutti avremmo voluto prendere a simpatici scappellotti, e poi lui, l’uomo del non-sorriso, colui che potrebbe giocare in smoking e al momento giusto tirar fuori un cucchiaio dalla tasca interna della giacca: Andrea Pirlo!

Per la serie “datemi un cucchiaio e salverò l’Italia”? Magari fosse possibile, a quest’ora Monti sarebbe sommerso di posate di qualsiasi fattura (probabilmente in maggioranza di plastica, vista la crisi).

Una partita bella, intensa ma interminabile come la fila dei miei sbadigli durante i supplementari. Mi son destata ai rigori, o forse mi ha destata l’urlo di gioia di Vin nel mio orecchio destro, ma poco importa.

Gli inglesi contro gli “undici eroi azzurri in terra straniera” (immaginatelo detto con la voce di Pannofino – che sinceramente quando commenta le partite mi inculca un leggero stato d’ansia) hanno solo dovuto sperare nelle linguacce del portiere Hart e nel fantomatico tifoso inglese che ha posizionato a favore di porta i “gioielli di famiglia”; la solita bufala di simpaticoni in vena di scherzetti.

Nulla ha potuto la rudezza inglese, lo sguardo assatanato di Rooney ancora provato dal trapianto di capelli, il gioco “falloso” di quello stangone (e direi alquanto figo) di Carroll contro il bon ton italiano. Il fatto di essere un popolo di buone forchette è da sempre risaputo, ma da oggi lo siamo anche di cucchiai. Siamo dunque un popolo civile ed educato, che sa usare all’occorrenza le posate giuste, probabilmente con gran soddisfazione dell’illustre connazionale Giovanni Della Casa con il suo Galateo.

Educazione e decoro, queste le parole chiave. Ma sì, che saranno mai le bestemmie di Balotelli e Cassano (il grande Tonino nostro!), il chiasso fino a tarda ora dei tifosi che strombazzano per le vie, un presunto tifoso inglese con il pendolo al vento, le “sputazze” dei giocatori nel campo, gli insulti gratuiti alla madre di un ragazzo ammazzato da chi deve proteggerci, fiumi di birra con annesso rutto libero.

Noi sappiamo usare il cucchiaio, per ora questo basta.