I’m… e un tocco di arancio

I'm302pupa

Giornata grigia, piovosa, uggiosa. Il rumore della pioggia accompagna molte di queste giornate che sembrano aver dimenticato che siamo a maggio, che la primavera è ormai ben inoltrata e che addirittura l’estate è in agguato dietro l’angolo. Queste condizioni meteorologiche inevitabilmente si ripercuotono sull’umore, sul modo di affrontare una nuova giornata; anzi mi sono accorta che ultimamente ne subisco maggiormente l’influenza. Quindi che fare? È necessario trovare piccoli escamotage per dare un svolta a un giorno che inizia con premesse alquanto sfavorevoli. Dopo anni di ricerca, studi attenti, calcoli difficilissimi, signore e signori ho trovato il mio personalissimo antidoto per affrontare giornate uggiose e apatiche. Un bel rossetto colorato! Sì, avete letto bene, non serve tornare indietro a rileggere o cercare di comprendere l’errore; nessun errore, è tutto vero. Carissimi state leggendo, straordinariamente, un post che rasenta limiti immaginabili di femminilità e frivolezza (oggi mi va così, pazienza). Eppure un rossetto colorato, intenso, che sia un rosa (anche se raro), un fucsia, un corallo, un rosso, un viola, riesce a risollevarmi l’umore. Forse merito di una sorta di cromoterapia, un consapevole condizionamento psicologico, o un semplice e innocente trucchetto per alzare la testa ed andare avanti, tirare fuori le unghie e vivere. Sta di fatto che con me funziona, fa bene a me e al rapporto con gli altri. Se poi trovi il rossetto giusto, quello che ti fa perdere la testa, allora l’effetto è amplificato. In molti penseranno che stia per fare una specie di marchetta, una pubblicità, ma vi assicuro che non ho ricevuto compensi, né prodotti gratuiti, né richieste di collaborazione. È solo e soltanto un mio parere personale, esprimo ciò che realmente mi piace senza condizionamenti esterni. Mi piace il nuovo rossetto della Pupa, quello della collezione “I’m” che sta praticamente spopolando su facebook, questa è la verità. pupamilanoAdoro questo rossetto, non vedo l’ora di indossarlo e l’idea di farlo mi fa stare bene. Lo so, penserete che sia pazza, che abbia perso definitivamente quel neurone che viaggiava solitario nel mio cervello. Invece no. Dopo averne sentito molto parlare, grazie all’iniziativa di lancio del prodotto (qui) che permette con un coupon di acquistare il rossetto al prezzo di 5 euro (anziché 12), due giorni fa mi son decisa a comprarlo. Nella decisione era però compresa l’indecisione sulla scelta del colore, infatti ho passato circa mezz’ora di fronte allo stand della Pupa a imbrattarmi il dorso delle mani con i 40 colori a disposizione (lo so, sono una brutta persona indecente), mentre cercavo disperatamente segni di approvazione da mia sorella che puntualmente giungevano vaghi e per nulla mettevano fine a strazianti dubbi e perplessità. Solo dopo essermi destata da questo trip mentale fatto di sfumature di marroni, corallo, arancioni e fucsia ho fatto la mia scelta. Numero 302 e porta a casa! “Sizzling orange”, una via di mezzo tra un rosso e un arancione, un colore che in altre situazioni non avrei mai preso. Questa improvvisa voglia di colore mia ha stupita, in positivo. Sono rimasta incantata da questo rossetto, dal colore intenso, dalla texture morbida e omogenea, dal comfort sulle labbra, dalla durata: insomma amore a primo utilizzo.

Le mie giornate hanno ora un tocco di arancio e la vita scorre serenamente. Echevuoidipiùdallavita?

Voi, invece, come esorcizzate giornate uggiose e apatiche? Suvvia, svelate i vostri trucchetti.

Annunci

Pensiero cazzeggio – Ma non era solo marzo pazzerello?

image

Piove, guarda come piove, senti come piove, guarda come viene giù!
Mi sembra il caso di dire.
Avevo la testa china sul libro, con la mente immersa tra pensieri e concetti in uno studio che sembra non finire mai (shiuda, shiuduuuu – direbbe a questo punto il buon Giuliano dei Negramaro. Sì lo so, battuta pietosa, lo rocpnosco anch’io). Sento rumori strani alla finestra, alzo la testa e guardo praticamente il diluvio venir giù. Mi aspetto da un momento all’altro di veder passare sotto la finestra Russell Crowe, la sua barba, l’arca, gli animali, due coccodrilli, l’orangotango, serpenti, il gatto, il topo e l’elefante.
Ecco, è arrivata la pioggia e con lei la voglia sfrenata di non fare una cippa, la voglia di cazzeggio inutile e selvaggio.
E ciao.

Se non hai un camino? Te lo disegni!

image

Piove ininterrottamente, fa un freddo polare, il vento soffia all’impazzata e l’unico desiderio, l’unico pensiero che gira come un criceto sulla ruota nel tuo cervello congelato è l’immagine di un bel camino acceso. Ti immagini adagiata su un divano comodo, avvolta in una coperta con accanto lui mentre sorseggi un tè caldo. Ma ahimè la triste realtà è che non dispongo di un camino (solo di termosifoni che qualcuno finalmente ha deciso di accendere – meglio quelli che niente). Così fantastico e me lo disegno. Chiamiamola amara consolazione.

Pioggia, vento… mi sa che ci siamo!

ginger

Squillino le trombe! Udite udite forse è arrivato davvero l’autunno!

Mi riservo sempre per ora un pizzico di incertezza perché visto l’andazzo finora, con caldo e gente che il primo novembre ha fatto il bagno al mare (testimonianza raccolta direttamente dalla protagonista dell’episodio, lo giuro eh!), non è detto che il caldo possa farci una visitina a breve. Per ora ci “godiamo” – si fa per dire – il ciclone Venere, che detto così sembra il tormentone della pop star del momento sbucata da un altro talent show magari sud americano (in questo momento me la immagino così, una cosa in stile “Il mondo di Patty” che fortunatamente non ho mai visto). E qui risorge l’eterna domanda che so bene tutti ci poniamo (ammettetelo su, o per lo meno assecondate una povera folle), la domanda a cui sembra non esserci risposta e che mi pongo anche in questo post.

Praticamente le previsioni meteo affermano che Venere farà dimenticare a noi abitanti del sud Italia e soprattutto delle regioni adriatiche di essere in Africa; ci riporterà alla realtà meteorologica della penisola unificandola in una stretta di freddo, pioggia e temporali. Con tutta sincerità non mi dispiace un po’ di freddo: del caldo e delle sue conseguenze non se ne poteva più. E per conseguenze, direi anzi la più sgradevole in assoluto, sono sicuramente le dannate zanzare che disturbano ancora i nostri sonni notturni, ma anche il quieto vivere giornaliero non è più stato tale. Proprio ieri sera ne ho eliminata un’altra che invano ha cercato di attentare al mio sangue, e ammetto in questo di essere una certa professionista, un killer che porta fino in fondo la sua missione zanzaricida. Lo so qualcuno potrà gridare all’atto ignobile e disumano, alla crudeltà e barbarie verso un essere vivente, ma con fermo cinismo chiedo che qualcuno mi spieghi finalmente l’utilità delle zanzare in questo mondo; poi tacerò per sempre (cala un silenzio solenne…).

A parte questo, spero che da oggi possa finalmente dirsi conclusa la serie dei fallimenti nel vestire, l’indecisione del troppo leggero/pesante con conseguente panico che ti sorprende ogni volta devi uscire di casa, perché la tecnica del “vestirsi a cipolla” con me non ha mai funzionato. E poi voglio sbizzarrirmi a indossare stivali come se non ci fosse un domani, anche quelli da neve, ma sì. Ho voglia di sentire il freddo pungente sulle guance e sul naso, riparare il cervelletto e quei neuroni che mi rimangono con un bel cappello; ho voglia tuffarmi estasiata in un mare di coperte, di attaccarmi al termosifone come una cozza al suo adorato scoglio. Sì, quali dolci e sublimi pensieri!

Per ora dò il benvenuto a Venere offrendole una tazza fumante di tè verde con un pezzetto di zenzero fresco mentre lo scoscio leggero mi conferma che fuori piove ancora.

Buon autunno a tutti.