So a cosa pensi!

ossessione

Io lo so. So a cosa state pensando. So qual è il pensiero che ronza insistentemente nella vostra testa, quel pensiero che s’insinua silenziosamente, ad ogni ora del girono, e vi tormenta mentre cercate una via di fuga, un piano di evasione perfetto.

Sì, state proprio pensando: perché la partita dell’Italia oggi è alle 3 del pomeriggio? Perché?

Naturalmente la domanda successiva che ne scaturisce è: come faccio a vedere la partita a quell’ora?

Suvvia, mettere la partita dell’Italia contro la Svezia alle 3 del pomeriggio è davvero una cattiveria, una tortura impensabile; peggio delle unghie che stridono su una lavagna, a dei morsetti applicati sui capezzoli, a quel dolore che ti immobilizza quando mangi lo zucchero filato e tra i denti hai una carie grande quanto una caverna. Ok, ci siamo capiti.

A quell’ora la maggior parte dei comuni mortali lavora, sgobba in ufficio, in una fabbrica, in un call center, in un negozio, a scuola; l’altra metà, invece, sono al bar o a casa ad agevolare la digestione e a godersi la partita contro i giganti della Svezia, i vichinghi della Scandinavia. Che poi, se guardiamo bene Ibrahimovic non assomiglia lontanamente ad un vichingo, quindi fa un po’ crollare un mito, ma questa è un’altra storia.

Resta il fatto, francamente, che se pensi alla Svezia non puoi non pensare a Ibra, soprattutto i milanisti che ne piangono ancora la partenza non escludendo mai il ritorno (anche se è un ritorno che si presenta a ogni sessione di calcio mercato, poi qualcuno dice no e allora ciao Ibra).

Così come resta il fatto che quando penso alla partita Italia vs. Svezia, la mia mante prefigura lo scontro epocale tra Mercatone Uno e Ikea, anche se in fin dei conti lo scarto tra i due è poco, solo qualche pezzo, un paio di mensole, un pugno di viti e istruzioni incomprensibili qua e là.

La tensione sale ad ogni ora, per uomini e donne indistintamente e anche il tizio alla radio incita ad una fuga repentina per vedere la partita.

C’è chi prolungherà a dismisura la pausa pranzo, svariati malati immaginari, gli attrezzati con ogni tipo di tecnologia, gli sfacciati che vedranno la partita in ufficio fregandosene di tutto e tutti, i patiti della radio cronaca e quelli che si rassegneranno al loro triste destino.

Voi cosa farete? Avete già il vostro piano di fuga o sarete tra i fortunati che si godranno la partita comodamente sul divano di casa (magari con una bella birra fresca)?

Io? Sono nel limbo.

Pensiero cazzeggio – Ossessione post it

 

ossessione post it

ossessione post it

Ok, lo confesso, ho una certa ossessione per i post it.

Qualsiasi dimensione, forma o colore è ben accetto.

Li uso praticamente per tutto: segnare le cose, scrivere appunti, a volte interi testi è capitato, disegnare, come segnalibro, per tappezzare le pareti e le ante dell’armadio della mia stanza. Naturalmente sono sparsi singolarmente o raggruppati nelle varie borse e non di rado è capitato che estraendo un oggetto, tipo portafoglio o chiavi, ci sia un post it attaccato con chissà quale scritta o disegno. Inutile dire che ogni volta che studio una materia prendo appunti, segno parole chiave o faccio schemi su un blocchetto di post it messi insieme e li rileggo mentre vado in stazione, sul treno e fino a quando non sono davanti al professore. Una volta ho usato dei post it per rivestire un foglio bianco e anonimo. Altre volte mi capita di piegarli su se stessi più volte e intagliarli con le forbici per poi osservare aprendoli il risultato di quella mai perfetta simmetria.

Dunque se prima o poi vi dovesse capitare di vedere su “Real Time” in uno di quei programmi strani (tipo ossessioni o sepolti in casa) dove una tizia è sommersa da post it con molta probabilità potrei essere io.

Buonanotte!