Se mi lasci non vale… ma almeno ci guadagno (con eBay #ExInVendita)

Marco se n’è andato e non ritorna più? Certo, è scappato con la segretaria alle Maldive col sogno di cambiare vita e aprire un cocktail bar sulla spiaggia. Ah l’originalità di Marco, come quando ti ha regalato un porta gioie in pelle lucida ma non ha mai pensato a riempirlo. Praticamente un porta-mai-una-gioia.

Sei convinto che non è Francesca quella seduta al tavolino avvinghiata all’istruttore della palestra? Forse non ci vedi bene a causa degli occhiali da sole che ti ha regalato per il tuo compleanno, quegli stessi occhiali che hai sempre odiato perché ti fanno un naso a patata.

Il tuo lui invece con la solita scusa del “non son degno di te” ti ha lasciata perché aveva tanta voglia di lei e ha capito che il suo posto è là, ma qui, a casa tua, ha piazzato uno strumento multi funzione che ti avrebbe aiutato a tirar su i glutei andando contro ogni forza di gravità? Compra un biglietto per lo spazio e il gioco è fatto.

E se come canta il buon zio Juliose mi lasci non vale”, allora ci guadagno, ti vendo! (Lo so che ti è scattata la canzone con balletto annesso ma no, in questo caso Renatone non c’entra nulla.)

Alzi la mano chi alla fine di una storia si è ritrovato in giro per casa, addosso, in auto, sulla scrivania dell’ufficio i regali belli e brutti degli ex. Quelli che proprio non siamo riusciti a restituire e che ogni volta che guardiamo scatenano un misto di sensazioni tra la vendetta-tremenda-vendetta, tenerezza, malinconia e lo stato “Bridget Jones”. Che fare allora? Diciamo addio ai roghi purificatori e alle pattumiere con lo scrupolo della raccolta differenziata. Quest’anno i ricordi, i residuati bellici di storie perse, insomma gli ex fidanzati, li mettiamo in vendita su eBay.

Non è uno scherzo, è #ExInVendita, la nuova campagna di eBay per questo San Valentino… ma anche per San Faustino, per Santa Pazienza che se n’è andata quando lui o lei ha chiuso ha porta dietro di sé lasciando non un vuoto, ma un accumulo di roba di cui volete sbarazzarvi.

Praticamente un gesto catartico: prendi quella patacca che assomiglia ad un orologio che non hai mai usato; o quello strano tubo flessibile che ti ha regalato ignorando la tua mancanza di pollice verde; oppure quella borsettina luccicante da sera donata proprio a te che quando esci di casa ti porti un armadio intero in giro; o ancora quel maglione morbido, del tuo colore preferito, ma con le maniche terribilmente corte. Bene ora apri eBay da qui, componi le tue belle inserzioni senza pagare tariffe aggiuntive e con al massimo 1 euro di commissione sul valore finale; attendi il venditore, concludi l’affare e con i soldi guadagnati porti a cena fuori la tua nuova fiamma alla faccia della “bella stronza” precedente, per dirla come Masini.

Semplice e rapido. In pochi passaggi faresti compagnia a quel bel 37% di italiani – secondo un sondaggio realizzato da eBay attraverso Ipsos – che venderebbe volentieri i regali dei propri ex abbandonando metodi ormai tribali per sbarazzarsi delle cose passate. Ecco, un atteggiamento maturo è quello che fa per te; l’atteggiamento di quegli oltre 2 milioni e mezzo di tuoi coetanei (orientativamente tra i 18 e i 34 anni – e ci siamo) che vedono in quegli oggetti una possibilità, che affrontano la separazione dal partner con uno spirito nuovo, con la consapevolezza di chi è sicuro della propria indipendenza e sa vivere da solo. Poi però controllano furtivamente a scadenza di un’ora tutti i profili social del proprio ex, analizzando e annotando con rigido schematismo ogni singolo mi pace giunto da un essere vivente di sesso opposto. Perché ok la maturità, la mentalità aperta e cose di questo tipo, ma quando ti scatta la modalità detective Conan nessun partner è al sicuro.

Lo so, ti stai rivedendo. Quindi tu, uomo o donna evoluto e con un conquistato senso degli affari da lupo di Wall Street, cosa vorresti vendere? Quale ex metteresti in vendita? Aspetto trepidante le vostre risposte.

Annunci

Assalto ai saldi. Capitolo 1 ( e forse l’ultimo?)

 

 

Saldi. Lo so, ogni anno la stessa storia. Entusiasmo alle stelle che viene miseramente spento come si spegne una candela alla fine di una processione a Pasqua. Che bella immagine, vero? D’altronde tra poco è Pasqua e a Molfetta è risaputo che lo è ancor di più.

Ma lasciamo stare figure retoriche al retrogusto crepuscolare (cosa che manco Corazzini nei giorni migliori…) e torniamo alla realtà, alla mia amara realtà. Ammetto che quest’anno per cause di forza maggiore non mi son dedicata a cercare offerte, a scovare l’affare del secolo. Ma è pur vero che un paio di giri al centro commerciale li ho fatti. Risultato? Il mio portafoglio di sicuro è contento, il mio umore e il mio armadio un po’ meno.

Però c’è un momento esatto che mi ha fatto rendere conto che i saldi non fanno per me. E no, non è quello in cui vedi tutti attorno a te carichi di buste di acquisti, soddisfatti manco avessero conquistato il Nuovo Mondo. È il momento in cui varchi la soglia di Zara. Lì cambia tutto.

Avete presente quando in “Stranger Things” improvvisamente Will si ritrova nel sottosopra e si vede la città o la scuola in come se fossero in una bolla d’acqua, tutti che si muovono a rallentatore, suoni ovattati… ecco questa è la scena a grandi linee.

Io entro a Zara e mi sembra in essere in una bolla, i suoni giungono confusi, vedo solo persone che si tuffano in cumuli si abiti informi, uomini che attendono annoiati, donne cariche di roba in fila per un posto in camerino; altre in agguato attendono che la rivale lasci perdere la camicetta che aveva adocchiato. Sguardi in cagnesco, spinte per aggiudicarsi un posto tra le grucce, l’aria di superiorità di chi è già in fila alla cassa e sta per scappare con il bottino.

Ma quelli, anzi quelle, che mi fanno più tenerezza, quelle a cui davvero farei una carezza sussurrando “Tranquilla va tutto bene, non è che devi per forza comprare qualcosa, non sei diversa”, sono le ragazze che comprano un capo – che in verità assomiglia più a uno straccio – visibilmente datato, appartenente a non si sa quale vecchia collezione, roba che il “vintage” a confronto è cosa nuova. Bella de zia, va bene che è scontato del 70%, va bene che costa solo 9,99 euro, ma sappi che il buon gusto non è in saldo.

Morale della favola non ho ancora comprato nulla, pure i saldi di Zalando e Amazon mi hanno delusa ma non è ancora detta l’ultima parola.

Seguiranno aggiornamenti.

P.S. Un giorno vi farò vedere e sentire la mia interpretazione/imitazione di Winona Ryder che dice “Wiiiiiillll, dove sei Wiiiiilll!!!”. Solo per quella mi merito un Golden Globe!

San Valentino: tra trottolini, pulcini, cioccolatini e altre cose in “-ini”

art-1839006_1920

 

Ci siamo, nelle vetrine dei negozi c’è la giusta abbondanza di cuori rossi e derivati, nei bar e nelle pasticcerie i dolci hanno assunto solo forma di cuore e gli impasti si tingono di rosso, i fiorai sono pronti a confezionare mazzi di fiori e a maneggiare rose dai lunghi gambi che quest’anno nemmeno a Sanremo si son viste.

Dunque è arrivato il giorno di San Valentino, la festa degli innamorati, o meglio ancora dell’amore, che non riesce a mettere tutti d’accordo, tra chi l’attende, chi ne è indifferente e chi sostanzialmente la odia.

Ci sono, dunque, i soliti, tradizionali e irriducibili che proprio oggi danno libero sfogo a tutto il romanticismo che è in loro, talvolta esasperando al punto da trasformarlo in esibizionismo e pura ostentazione a favore di amici, parenti e vicini. E allora vai con l’assalto a ponti e incroci trafficati (nella mia città, Molfetta, il ponte del Vico e l’incrocio della Madonna dei Martiri) con striscioni e lenzuoli dalle scritte fatte con bombolette a spray e che denotano un po’ di tremarella: tra un “ti amo pulcino”, un “sei la mia vita topolina” e un “per sempre tua orsacchiotto” (naturalmente fino a quando non decide di sbranarla, in senso metaforico), la vecchia fattoria è completa e tutta la città di è messa al corrente.

Non può non mancare la classica serenata in cui lei attirata da un’insolita melodia si affaccia al balcone e si trova davanti scenari differenti: lui con un mazzo di fiori in mano che si diletta travirtuosismi vocali in una bella canzone neomelodica napoletana – facendo concorrenza alle serenate del “Boss delle cerimonie” –, oppure lui sempre con un mazzo di fiori in mano che canta una canzone di Jovanotti (ormai quella ufficiale per le serenate è diventata “A te”) o a scelta una di Baglioni da vero evergreen, e in entrambi i casi la musica proviene dallo stereo della macchina col volume sparato a palla e portiere e cofano rigorosamente spalancati.

Naturalmente ci sono anche i cultori della sobrietà, quelli che a San Valentino un fiore non manca mai, il Bacio della Perugina è un “must have” con annessa cena romantica a cui, a seconda delle esigenze e occasioni, si può allegare un intero week end in una spa per farsi coccolare insieme.Le occasioni in questione sono però diventate le offerte dei coupon acquistabili su internet, e qui la cosa si fa seria: sì, perché la ricerca dell’offerta giusta e ad un prezzo stracciato parte circa due mesi prima, con l’aggiornamento compulsivo ossessivo dei siti di coupon. Perché ormai, diciamoci la verità, se c’è il coupon è meglio. Forse.

Altro elemento immancabile è la lingerie sexy, per stuzzicare un po’ il partner e magari riaccendere il fuoco assopito sotto la cenere: così mentre una donna s’immagina in tutto il suo splendore, quasi come uno degli angeli di Victoria’s Secret, si ritrova in realtà a scegliere slip e reggiseno tra quelli in offerta alla Lidl. Ma in fondo è il contenuto quello che conta.

E se da una parte ci sono gli innamorati dell’amore, dall’altra ci sono quelli che proprio la festa di San Valentino non riescono a digerirla, un po’ perché la ritengono una festa ormai commerciale, un po’ perché il loro romanticismo sostanzialmente latita. La parte che rimare è costituita da single, quelli che oggi si rinchiuderanno in casa o cercheranno di unirsi in gruppi di sostegno; gli stessi che si riconoscono da lontano perché ogni 14 febbraio di ogni benedetto anno pronunciano o pubblicano su Facebook tale frase <<San Valentino è la sesta di ogni cretino, che crede di essere amato e invece viene fregato>>: a voi dico solo cambiate repertorio.

Insomma viva l’amore.

Una cosa però vorrei consigliare a tutti: se per caso oggi vi capiterà di vedere per strada o in un locale due uomini o due donne tenersi per mano o scambiarsi un bacio, non fate i bigotti.

Just smile – Benvenuto febbraio

radicchio2

 

Era da tempo che avevo questa foto. Una composizione nata un po’ per caso, mentre un girono tagliavo del radicchio e della cipolla bianca. Forse avrò fatto un risotto, forse il condimento per una pasta veloce. Non ricordo. Di sicuro stavo usando il mio coltello preferito a lama grande: quello in stile “psycho” per intenderci. Tranquilli per ora ho solo affettato verdura.

Una composizione semplice che avevo in mente di terminare con un disegno. Un disegno che avevo in mente ma non riuscivo mai a realizzare. Poi ieri, mentre ero in cerca di ispirazione e materiale da pubblicare, mi è tornata in mente questa foto allora ho preso subito la tavoletta grafica (il mio tesssssoro) e ho realizzato il disegno. Dieci minuti, non di più. Facile e semplice. Soddisfatta e non rimborsata.

Così con questo disegno voglio iniziare febbraio, lasciandomi alle spalle gennaio, mettendo da parte alcune cose e riprendendone altre.

È come se il mio anno iniziasse con febbraio.

A volte è meglio non guardare il calendario

Oggi va così, in forte ritardo con il mio calendario dell’Avvento ma sempre presente.

Il ritardo è dovuto al fatto che vado un po’ alla cieca, non sto più programmando questi post è mi lascio trasportare dall’istinto, dall’idea del momento che mi piace di più e che mi va di pubblicare. Semplicemente perché questo è il mio spazio. Perché mi va così.

Concerti di Natale ne abbiamo?

Oggi un meno nove giorni un po’ nervoso e tra sbalzi di temperatura.

Per fortuna stasera ci consoliamo con della buona musica: concerto di Natale di Chiara Civello presso la Cattedrale di Molfetta.

Tra poco si scatenano le emozioni!

Per aggiornamenti seguitemi su instagram come Isy_el.

Domani, invece, ci sarà anche il mio servizio video su MolfettaViva.

La fuga del tempo

albero

 

Anche oggi toccata e fuga.

Fuga come i giorni che ci separano da Natale!

Help…

Come addolcire l’attesa con rose di mela facili e versatili

rosellina-copia

 

Mancano 12 giorni a Natale e per addolcire l’attesa gustiamo delle rose di mela e pasta sfoglia semplicissime da preparare. Praticamente una ricetta per tutti, anche i meno avvezzi ai fornelli, ma dal risultato davvero scenografico e piacevole non solo alla vista ma soprattutto al gusto.

Quella che vi presento è la variante dolce – che volendo può essere realizzata anche con altra frutta tipo pere, ananas, mango e quando ci sono le pesche – ma esiste anche la variante salata sostituendo alla frutta le verdure e alla confettura del formaggio spalmabile. Inoltre la variante salata diventa un rapido aperitivo o antipasto per le cene o pranzi delle feste. E perché no, anche un originale segna posto se con uno stuzzicadenti ci appuntate un bigliettino con il nome dell’invitato, o legato anche con un nastrino attorno al fondo di sfoglia. Insomma le possibilità sono tante e adattabili a tutte le esigenze e i gusti.

Ma ora bando alle ciance, ecco la ricetta!

INGREDIENTI

  • 2 mele
  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • confettura di albicocche
  • zucchero di canna
  • 1 limone

PREPARAZIONE

  • Lavate per bene le mele ma senza sbucciarle, tagliatele a metà eliminando la parte del torsolo. Tagliate le metà a fettine verticali dello spessore di circa 2 millimetri.
  • Mettete le mele in un recipiente di vetro copritele con acqua, il succo del limone e 3 cucchiai di zucchero di canna. Mescolate e poi cuocetele nel microonde per qualche minuti tino a quando non siano un po’ morbide e flessibili senza rompersi. Togliete le fettine dal succo e asciugatele.
  • Stendete il rotolo di pasta sfoglia e tagliate delle strisce orizzontali altre circa 4 centimetri.
  • Prendete una striscia e spalmateci un cucchiaino di confetture di albicocche per tutta la sua lunghezza.
  • Disponete le fettine di mela a metà striscia, con la parete curva che sporga dalla pasta. Chiudete a metà la striscia e poi arrotolate avendo cura che le mele non fuoriescano.
  • Il risultato saranno dei rotolini di sfoglia con le mele che compongono i petali delle rose.
  • Sistemate le rose in stampi per muffin o se non ne avete in pirottini (meglio se di silicone).
  • Cospargete le rose con un pizzico di zucchero di canna e cuocete a forno preriscaldato per circa 15 minuti a 180 gradi. Naturalmente i tempi di cottura variano a seconda dei forni ma le rose saranno cotte quando pasta sfoglia risulterà tale.
  • Sfornate, fate intiepidire e servite con una spolverata di zucchero a velo (per chi lo gradisce).

Così con una rosellina di mele e pasta sfoglia l’attesa del Natale sarà più dolce.

Il panettone della discordia

fine

Inutile dirlo. Natale senza panettone non è lo stesso. Che sia al Nord, o al Sud, Centro e isole comprese sulla tavola delle feste non può mancare. Che si mangi oppure no, che piaccia o meno, con i canditi o senza (per me naturalmente senza – credo sia risaputa la mia lotta ai canditi inutili) lui deve esserci.

Naturalmente per agevolarci nella scelta tra le marche in questo periodo veniamo bombardati da pubblicità di panettoni e altresì pandori, anche un po’ simili tra loro. Attenzione puntata sulla morbidezza, ingredienti freschissimi e di qualità, bambini che passano fette di panettoni a neonati, cori angelici, il solito “piano piano, buono buono”… insomma ci siamo capiti.

Ma c’è una pubblicità che quest’anno si è distinta dalla massa: quella del panettone della Motta. Ai suoi ideatori va il premio ironia in assoluto! Perché a mio avviso è proprio ironia, nelle parole e nel tono della voce fuori campo, ad attraversare tutto lo spot.

In breve, se non vi sovviene, il testo sarebbe questo:

«Per il nostro panettone noi di Motta avremmo potuto usare tofu tritato, papaya, seitan, alga essiccata, e cuocerlo per trenta secondi nel microonde. Invece no! Lo abbiamo preparato seguendo la nostra ricetta, originale dal 1919. Panettone Motta, da sempre, quello di sempre. E da oggi anche con bacche di goji! Scherzo…».

Ecco, queste parole hanno fatto infuriare il mondo vegano che a quanto sembra dalla propria alimentazione oltre ad eliminare prodotti animali e derivati, ha eliminato anche una bella fetta di ironia, un pizzico di autoironia e una manciata di tolleranza e rispetto.

Potete ben immaginare la rabbia e il putiferio che si è scatenato soprattutto sui social.

Il punto della questione, infatti, è quello: avere l’intelligenza di comprendere che lo spirito della pubblicità non è accusatorio e nemmeno canzonatorio confronti dei vegani in sé. Non è puntare il dito verso chi ha intrapreso una scelta alimentare differente. In fondo non sono solo i vegani a mangiare seitan o bacche di goji o papaya, ecc.

Quando si afferma che il mondo è bello perché è vario, non lo si dice tanto per modo di dire. O per lo meno così dovrebbe essere. Le scelte personali, sempre nel limite del lecito, non devono invadere e cozzare con quelle altrui. E poi se uno decide di mangiare tofu o carne sono un po’ cavoli propri.

Quindi cari vegani e onnivori almeno a Natale siate più buoni, non fatevi la guerra; spezzate un gambo di sedano in segno di amicizia e fratellanza.