Un piccolo vizio di nome Jane Austen

image

Lo ammetto, ho una passione per Jane Austen. Mi piace il suo stile, mi piace la sua personalità, un’eroina che in fondo non ha molto di romantico in sé quanto invece di rivoluzionario e innovativo. E lo so, molti sentendo il suo nome seguono subito il collegamento mentale che li porta all’idea di “romanzi rosa” per femminucce, o ancor più dispregiativo per zitelle in attesa del vero amore, del principe azzurro che le conduca in un sogno possibilmente reale a bordo della sua super macchina sportiva, va bene anche un suv (della serie “principi azzurri si evolvono sull’onda delle mode”). Allora vi sbagliate di grosso. Questa è l’idea di chi si ferma al frontespizio, di chi tra le tante parole sulla quarta di copertina legge il binomio “donna/amore” e storce il naso pensando di aver riassunto tutto il libro, è l’opinione di chi crede che i libri della Austen facciano parte della collana “Harmony” (che fortunatamente non ho mai avuto il dispiacere di leggere); è l’errata idea di maschilisti e pure misogini che credono che tali letture possano distogliere l’attenzione delle donne dai loro doveri femminili, rifiutando l’amara realtà. Bene, nulla di più errato. La Austen ha quell’occhio critico verso il suo sesso, considerato in genere fin troppo gentile, guarda il mondo femminile dall’interno all’esterno: nei suoi romanzi le donne presenti costituiscono un campionario assortito di sfumature caratteriali, donne con i loro pregi e difetti ma con una grande profondità psicologica. Non si può navigare a pelo d’acqua, bisogna immergersi, grattare la superficie e guardare nel profondo, in quella voglia di riscatto, di non essere solo oggetti o soprammobili di ricchi salotti inglesi. Ribellarsi alle regole della società, delle consuetudini familiari, alla ricerca della propria fortuna, riappropriandosi del libero arbitrio, scegliere e agire seguendo la testa e il cuore ma sempre autonomamente. La stessa Jane decise di vivere del suo lavoro di scrittrice, una scelta impensabile per il suo tempo; una strada difficile da percorrere e allo stesso tempo sofferta rinunciando all’amore. È il seme dell’emancipazione che non più tardi sarebbe fiorito prorompente nel femminismo, in quella dignità di essere donne libere con eguali diritti e doveri. A tal proposito ricordo con piacere l’ultimo esame universitario di letteratura inglese: il programma si incentrava sulla nascita del romanzo borghese inglese e prevedeva la lettura del “David Copperfield” di Charles Dickens e del “Moll Flanders” di Daniel Defoe. In quella sessione sono stata esaminata da una assistente, una giovane donna che avevo visto molte volte in dipartimento. Mentre esaminavo le tipologie di personaggi mi sono soffermata su due personaggi femminili, per il primo Agnes e per il secondo la stessa Moll; quasi inavvertitamente il riferimento ai personaggi femminili di Jane Austen è venuto naturale mentre gli occhi dell’assistente – fino a quel momento opachi e certamente annoiati dopo aver sentito chissà quante volte la stessa storiella sulle avventure di Copperfield e di quanto Defoe si sia pregiato del titolo di “padre del novel” (che poi un genere come il romanzo non è che lo inventi così per bisogno, se no i romanzi antichi dove li piazziamo?) – si sono accesi, rianimati al nome di Elizabeth Bennet, eroina intramontabile di “Orgoglio e Pregiudizio”. Da lì in poi l’esame è diventato una chiacchierata con lei che aveva i miei stessi occhi per osservare un’autrice mai scontata, una donna capace di rivoluzionare la propria vita e il mondo femminile racchiuso nell’universo-libro, una donna che auspicava che quelle eroine, o se vogliamo semplici fanciulle, potessero fuggire da quelle pagine e vivere libere nella realtà.

Ora c’è Emma a tenermi compagnia. Sono ancora alle prime pagine di questo romanzo che dicono sia stato subito apprezzato al momento della pubblicazione e che in molti considerano uno dei capolavori della Austen. Già le prime vicende preannunciano un intreccio ricco e complesso, ma c’è qualcosa che devo ancora inquadrare per bene che rende la trama fresca e moderna.
Lo scopriremo solo leggendo.

Annunci

C’è chi dice no! (come rifiutare proposte all’apparenza allettanti)

c'è chi dice no

Eccomi, sono io, sempre e soltanto io.

Mi sono assentata giusto un po’. Il tempo utile per lavorare, essere stanca, lavorare, essere ancora stanca, arrotondare scrivendo testi, e qualche altro evento.

Ormai gli straordinari al lavoro non mancano e col corso di aggiornamento e la nuova abilitazione da consulente per le vendite la sopportazione sta arrivando ai massimi storici. Certo ho un’entrata mensile sufficiente (fino a quando decideranno di rinnovarmi questo misero contratto part time) ma in quelle quattro ore ti capita di sentire di tutto di più.

Nel frattempo ho detto un grosso “no”. Ho rifiutato di essere il direttore responsabile di una nota testata giornalistica on-line locale. Perché ho rifiutato? E come ho fatto?

Questa volta più che mai è stato decisivo porre sui due piatti della bilancia i pro e i contro. I contro hanno quindi stravinto, ma che dire, un plebiscito tra le motivazioni avverse a qualsiasi decisione che potesse portarmi ad accettare. E poi direttore responsabile senza un centesimo per alcuni (furbi) potrebbe essere normale, per me no (inoltre il “caro” Sallusti docet…). Ora come ora, col piccolo bagaglio di esperienza che mi porto dietro, la moneta sonante non è facilmente sostituibile con una gloria aleatoria e illusoria. Inoltre in una città come la mia, in cui puntare il dito è fin troppo facile e molti hanno “la querela più veloce del sud”, meglio evitare inconsistenti scelte che ai predecessori a quella carica non hanno portato lustro né permesso il tanto cercato salto di qualità. In poche parole una proposta dal fragrante e pungente odore di fregatura.

Inoltre anche le modalità per cui è pervenuta la proposta non è delle più chiare e cristalline. Come si dice “l’occasione fa l’uomo ladro”, senza risparmiare gli amici: troppa preoccupazione per il mio futuro professionale da sembrare sproporzionata e paradossale.

Al fine grazie ai pareri che più contano per me la scelta è stata presa. No a pseudo-giochetti di potere, no a far da scudo per permettere ad altri di fare i propri comodi, no a compromessi che alla fine si rivelano svantaggiosi, no a deviazioni del mio cammino.

Insomma una storiella non nuova, vista e sentita in tutte le salse. Consuetudine, si potrebbe dire. “Inculature” evitate le chiamerebbe qualcuno. Semplicemente basta a noi decidere. Decidere di non essere pedine senza volontà di un gioco che altri hanno scritto. E se il pentimento un giorno dovesse arrivare, anche lui potremo mettere a tacere.