Maria io non esco! Guardo Sanremo!

sanremo-2017

 

Alzino la mano tutti quelli che stasera vedranno il Festival di Sanremo solo per guardare Maria De Filippi? Io!

Come si può perdere un avvenimento che ha dell’incredibile, una serata che entra di diritto tra le pagine della storia più alta di questo Paese. Infatti non si può.

La divina Maria scende dall’Olimpo berlusconiano e approda in Rai, dritta dritta sul palco dell’Ariston; osannata manco fosse la Madonna, seppure di lei condivide il nome. Quello stesso palco che in molti anelano di calpestare, altri invece di ritornare, ma quest’anno solo Maria ci può andare.

Diciamo la verità, si possono anche non amare alla follia alcuni suoi programmi – anche se nello specifico Uomini e Donne ve lo consiglio come rimedio che non addormentarvi dopo i pasti e per agevolare la digestione – ma non si può non stimare una dona del genere. E senza ipocrisia sarà lei a fare la differenza.

Potrebbe anche stare muta, enunciare solo artisti e titoli di canzoni, ma la sua presenza certamene farà la differenza nel quadretto tutto precisino e a modo messo su da Carlo Conti (che ha solo un difetto: un colorito altamente finto).

Del resto anche le premesse mariane a questo festival sono di per sé eccezionali: niente cachet, nessuna intromissione nelle scelte artistiche, passo indietro nella co-conduzione… cosa volete di più? Inoltre ci risparmierà (forse) siparietti patetici e gridolini finti della discesa della tanto temuta scalinata. A questo punto, “Maria for president”!

Quindi ammiratori della Maria nazionale (non quella dei napoletani e nemmeno quella preferita da J-Ax) sosteniamo la nostra eroina.

Naturalmente ci sono anche le canzoni in questo Festival. 22 i big in gara: Ron (il ricorso storico per eccellenza); Paola Turci (girl power); Sergio Sylvestre (non mi convince, per il resto restiamo amici); Giusy Ferreri (sono curiosa di vedere quali scarpe userà per sembrare più alta); Michele Bravi (seriamo sia bravo – battuta terribile); Alessio Barnabei (parafrasando Vasco, “voglio trovargli un senso”); Fabrizio Moro (intenso come sempre?); Raige e Giulia Luzi (ehm loro, si quelli lì… ok, mi dite chi sono?); Gigi D’Alessio (anche lui deve tornare “ogni morte di papa”); Bianca Atzei (ditemi come fa a cantare in quel modo); Marco Masini (… pronti con i portafortuna e i riti contro la sfiga); Fiorella Mannoia (“che sia benedetta” lei per la sua presenza); Chiara (ma dai, c’è anche lei quest’anno? Ma Annalisa dov’è?); Francesco Gabbani (Amen); Elodie (bello… il colore dei capelli); Michele Zarrillo (anche lui per la serie “ogni tanto tornano”); Ermal Meta (dicono prometta bene, dunque non vincerà); Lodovica Comello (a me sta simpatica); Albano (sia lode a lui!); Nesli e Alice Paba (conosco solo metà della coppia); Samuel Romano (non siamo parenti, purtroppo).

Svelata anche la scenografia del teatro Ariston e i componenti della giuria di qualità tra cui compare il controverso nome di Greta Menchi… infatti che ci azzecca? Ok la volontà di strizzare l’occhio ai “cciovani” ma un minimo di autorevolezza dove la mettiamo?

Insomma siamo tutti carichi, siamo tutti pronti per questa sera.

Ah dimenticavo! Questa sera se vorrete ci faremo compagnia su Twitter (mi trovate come @IsabelDisordine) con un bel live di cinguettii, per vivere insieme tutti i momenti della prima puntata come se fossimo seduti sullo stesso divano usando #SanremoDisordine.

 

Ultimi frutti d’estate

fichimano2

Visto il titolo del post vi aspettereste un incipit del tipo “l’estate sta finendo e un anno se ne va”, con la citazione spudorata, scontata e senza ritegno di una vecchia canzone che certamente tutti conoscono e al tempo stesso odiano per la sua cruda e ovvia verità.

Sbagliato. Niente di tutto questo.

Il mio incipit è piuttosto “i fichi sono finiti e anche agosto”. Ad effetto, vero? Anche questa per me è una dura verità. Non per la fine di agosto – che avevate capito – ma perché è terminato il periodo dei fichi. Semplice.

Poi certo, l’estate sta finendo, ma cari miei non è che dobbiamo farne una tragedia; tanto finisce inesorabilmente ogni anno. E inizia proprio in questo periodo una sorta di opprimente “saudade” estiva, con le facce di chi sembra essere stato condannato ad ascoltare per intero tutta la discografia di Gigi d’Alessio e consorte senza la possibilità di saltare traccia.

L’estate sta finendo e voi ve ne farete una ragione; come io me ne farò una ragione di non poter più assaporare la “smarmellosa” dolcezza dei fichi (“smarmellosità” è un termine tecnico! Chiaro?).

Che poi non so perché il fico è un frutto che mi affascina particolarmente, mi piace sbucciarlo e tagliarlo perfettamente a metà con un coltello, poi ammirarne la forma, la fisionomia interna con tutti quei villi e filamenti disposti a raggiera, rivolti in ordine verso l’interno, con tutti quei semini e sfumature che sembrano racchiudere molli profondità di vita. Quanto è curioso come le cose più semplici e talvolta scontate possano incantare così.

fichi

Nei giorni a venire, dunque, ricorderò il dolce sapore dei fichi e le scorpacciate di agosto come voi ricorderete le vostre ferie volate via, troppo brevi, troppo intense, troppo poco rigeneranti, tanto da dover richiedere delle ferie per riposarvi dalle vacanze.

Così arriverà settembre ma a differenza vostra io vivrò la soddisfazione di questa estate finalmente trascorsa.

Se non si era capito, buon lunedì di delirio.