I Medici sulla Rai: piace sì o no?


i-medici

Ok, alzi la mano chi ha visto la prima puntata de I Medici, la serie tv prodotta dalla Rai (e non solo) che narra, diciamo in maniera molto romanzata e rimaneggiata, l’ascesa della famiglia alla signoria che avrebbe retto per molto tempo la città di Firenze. Un appuntamento che ormai da tempo aveva creato grande aspettativa. Annunciata addirittura in prima visione mondiale!

Sono riuscita a vederla tutta in prima serata, dall’inizio alla fine. Ok sì, non proprio tutta tutta, mi saranno mancati quei pochi minuti in cui durante la pubblicità cambi canale, in questo caso per vedere le Iene su Italia Uno, e dopo un po’ ti ricordi che in realtà non stavi vedendo quello; quindi ricambi subito canale e arrivi sempre qualche secondo dopo la ripresa del film. Anche se dobbiamo dire la verità: ieri sera più che un palinsesto televisivo sembrava un conflitto di fazioni opposte, tipo Guelfi e Ghibellini – tanto per rimanere in tema –: da una parte le Iene, dall’altra I Medici… quindi grazie davvero Mediaset e Rai. Naturalmente escludendo la partita della Juventus su Canale 5 che in tutti i casi avrebbe portato via buona fetta degli ascolti di chi pure il martedì ha bisogno di vedere 22 omini sudati che sputacchiano qua e là in un campo correndo dietro un pallone. Ma son gusti.

Quindi, Isabel, che ne pensi? Ti è piaciuta la prima puntata de I Medici?

Non lo so.preziosi

È questa la verità. Ci sto ancora pensando per capire se mi sia piaciuta o meno. Partiamo dal presupposto che in generale i film storici in costume a me piaccio davvero tanto, se aggiungiamo che il tutto è ambientato in epoca medievale a Firenze, culla del Rinascimento… allora bingo! È come se la Rai avesse voluto soddisfare i miei gusti.

Mi è piaciuta l’ambientazione, la regia, la colonna sonora, i costumi, la fotografia, gli attori, la grafica, la sigla iniziale, un po’ meno il doppiaggio e soprattutto i dialoghi abbastanza inadeguati e grezzi, tanto che se l’avessi visto senza il logo del canale tv, avrei dimenticato fosse una produzione Rai, anzi scoprendolo ne sarei stata meravigliata. Insomma per una volta sembrerebbe che i soldi del canone siano stati investiti in modo decente.

Allora cosa si può volere di più?

Una sceneggiatura decente che non faccia come un pendolo impazzito avanti e indietro di 20 anni in cui prima Giovanni de’ Medici (il personaggio di Dustin Hoffman) è vivo, poi morto; poi ancora vivo e di nuovo morto; vivo, morto, vivo, morto, vivo, morto. Ci siamo capiti insomma. Vivo, morto, vivo, morto, vivo, morto, vivo, morto! Scherzetto!

In realtà il problema non sarebbe tanto il salto temporale se questo fosse stato marcato maggiormente a livello della fisicità dei personaggi. Per spiegarmi, senza la scritta che compare di tanto in tanto “venti anni prima”, l’unica cosa che fa comprendere che si tratti di due decenni di differenza, a parte le luci della fotografia, è il taglio di capelli di Cosimo e Lorenzo. Oltre a Dustin Hoffman vivo/morto. Per il resto si va avanti e indietro nel tempo cercando di capire come facciano i Medici ad ascendere al potere.

Una precisazione è però doverosa per alcune persone: scordatevi Lorenzo de’ Medici “il Magnifico”! Non c’è, non è il Lorenzo fratello di Cosimo che compare qui e non credo lo vedremo in questa serie, almeno per ora. Praticamente mettetevi l’animo in pace e smettete di fingere reminiscenze di storia delle scuole ormai andate. Così come l’animo in pace se lo devono mettere tutti coloro che contestano gravi incongruenze storiche della trama: gli autori (tra cui Frank Spotnitz) hanno già da tempo messo le cose in chiaro (e le mani avanti) a tal proposito. Si tratta di una libera, anzi molto libera, interpretazione dei fatti storici. Quindi chi vuole la storia, quella vera, è pregato di vedersi un programma di Piero o Alberto Angela.

cosimo-e-contessinaAltra questione importante. Robb.

Diciamoci la verità, quando guardi Cosimo non puoi non pensare a Robb Stark di Trono di Spade. Per carità, bravo Richard Madden nell’interpretazione, ma ti aspetti che da un momento all’altro dica “l’inverno sta arrivando” e così tanti saluti ai Medici.

Cosimo/Richard sarà pure bello, ma tutta questa mandria di fan sfegatate con gli occhi a cuoricino che da sole hanno mantenuto su gli ascolti della serie, mi sembrano un tantino esagerate. Per non parlare di quelle che già “credono” nella grande storia d’amore tra Cosimo e la Contessina: a belle, Bianca (Miriam Leone) è stata allontanata, mica è morta, e in serie come questa il ritorno di un personaggio è sempre assicurato.

Nota di merito va alla sigla iniziale: la canzone “Renaissance” di Paolo Buonvino cantata da Skin è bellissima e la grafica ricolta molto lo stile di True Detective, senza dimenticare di strizzare l’occhio proprio a Trono di Spade.

Insomma, anche se il ritmo della prima puntata è stato alquanto lento, mi sembra azzardato dare un giudizio definitivo.

È giusto riconoscere alla Rai la volontà di uscire fuori dagli schemi, di mettere da parte storie trite e ritrite di poliziotti, mafiosi, criminali, omicidi, per dar spazio all’arte e alla bellezza di un tempo lontano che imprescindibilmente è alla base della nostra civiltà.

Non resta che vedere tutta la prima stagione (ce ne saranno altre due poi) e sperare che sia in crescendo per poterne decretare il successo.

 

 

 

Annunci

Pensiero cazzeggio – Infinite sfumature di spoiler

image

Ieri, lezione di letteratura italiana all’Università di Bari. Prendo appunti anche se la mano già stanca arranca sul foglio bianco con una penna diversa dal solito. Capita anche a voi di pensare che abbiate perso qualsiasi capacità scrittoria ogni volta che adoperate una penna diversa da quella usata solitamente (magari perché vi abbandona per bel mezzo della lezione o semplicemente si è persa nei meandri dell’astuccio che per quanto sia piccolo sembra avere la capienza della borsa di Mary Poppins)? A me capita sempre, sistematicamente. Nuova penna, reset della coordinazione mente-mano e corso accelerato di come impugnare la penna e scrivere.
Ma, come diceva la mia prof delle medie, “bando alle ciance, andiamo alle fesserie”. Durante una pausa dagli appunti, scosto il mio quaderno e noto una scritta sul banco. Sì, quella della foto. “Civil War: Capitan America muore”.
Ditemi ora, se questo non è il più originale tentativo di spoiler che abbiate mai visto. Per me lo è.
Io non so se lo spoiler del film sia corretto o meno (il finale del fumetto è un’altra storia), non so perché sia stato scritto, non so chi sia stato a scriverlo. So solo che chiunque sia stato è il nuovo genio del male, un infimo spifferatore di finali, un distruggi aspettative professionista e chissà se anche seriale.
Ma soprattutto so una cosa: mi ha fatto ridere tanto, facendomi svegliare dal torpore di una lezione soporifera.

Jeeg Robot vai! (Che hai vinto tutto) – E bravo Mainetti

david di donatello

Sono stati finalmente consegnati i David di Donatello, i premi cinematografici italiani – equivalenti agli Oscar americani – assegnati ogni anno dall’Accademia del Cinema Italiano, e arrivati alla 60esima edizione. La cerimonia di premiazione è stata condotta a Roma dal bravissimo Alessandro Cattelan e trasmessa su Sky.

A spartirsi la maggior parte dei premi sono stati in due, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti e Il racconto dei racconti – Tale of Tales di Matteo Garrone.

L’Accademia ha però premiato come miglior film Perfetti Sconosciuti, la psicanalisi collettiva di individui la cui vita è governata dai telefonini di Paolo Genovese e di cui sembra sia stato confermato un remake in salsa americana con un cast stellare come Jennifer Lawrence, Bradley Cooper e Brad Pitt.

Grandissima rivelazione il film “Lo chiamavano Jeeg Robot” che ha visto trionfare Gabriele Mainetti come miglior regista esordiente, Claudio Santamaria come miglior attore protagonista, Ilenia Pastorelli come miglior attrice protagonista, Luca Marinelli come miglior attore non protagonista.

lo chiamavano jeeg robot

Un trionfo senza dubbio meritato per un film che palesemente può essere annoverato tra i migliori film italiani degli ultimi anni. E a dirlo non è solo l’Accademia del Cinema Italiano, non sono il numero dei premi vinti, a confermarlo è il pubblico. Una conferma che io stessa ho visto con i miei occhi nella sala del cinema della mia città, una multisala di periferia che proietta di tutto. Ho visto il film alla sua uscita, l’ho visto senza conoscerne nulla, senza aver letto recensioni, senza aver visto un trailer; avevo solo visto di passaggio dei manifesti enormi con un tizio dal volto celato che si ergevano ai lati del sottopasso di via Capruzzi a Bari; mi era sembrato di scorgere il nome di Claudio Santamaria, il che aveva portato la classica riflessione da grandissima critica cinematografica in erba quale sono: “ammazza quanto è figo Santamaria”.

Poi più niente, fino a quando una sera il mio fidanzato, che vive di film e cinema, non mi propone di andare a vedere “Lo chiamavano Jeeg Robot”, naturalmente accetto, altresì remore della riflessione da grandissima critica cinematografica in erba quale sono (vedi qualche rigo sopra).

Dopo mezz’ora di trailer, pubblicità, chiacchiericcio e cazzeggio diffuso nella sala, inizia finalmente il film e dopo poco… silenzio. C’era solo l’audio del film, in sala nessuno fiatava, anche il classico ruminante di pop corn aveva smesso di masticare. Tutti erano intenti a vedere quel film, senza commenti o parlottii vari; tutti avevano chiuso la bocca, averto orecchie e occhi e spalancato la mente. Quando infine le luci si sono riaccese è stato come destarsi da un sogno, riemergere dal profondo di un fumetto in cui per caso eravamo caduti, tutti.

È in quel momento che questo film ha vinto, per me e per tutti quelli presenti in sala.

Non ho mai visto un tale entusiasmo dilagare dopo la visione di un film, solo commenti positivi e pur volendo cercare difetti o carenze nelle riprese o nelle interpretazioni degli attori, nella fotografia o nei dialoghi pregni di romanesco verace, era praticamente impossibile.

Il film è bello, e se anche la definizione appare mera e riduttiva, la risposta la si poteva trovare sul volto di chi usciva da quella sala.

La conferma di tutto ciò è poi arrivata quando ho guardato il mio fidanzato e mi ha detto nell’ordine due frasi: “Voglio il blu-ray del film” e “lo rivediamo?”.

È fatta, “Lo chiamavano Jeeg Robot” è tra i miei film preferiti in assoluto.

Naturalmente subito dopo è subentrata un’attenta analisi da grandissima critica cinematografica in erba quale sono: “ammazza quanto è figo Santamaria!”.

Per quelli che se lo fossero perso, il film torna al cinema dal 21 di aprile.

Torniamo ai David di Donatello; ecco tutti i premiati.

Miglior film

Perfetti Sconosciuti, regia di Paolo Genovese

Miglior regista

Matteo Garrone per Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Miglior regista esordiente

Gabriele Mainetti per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore sceneggiatura

Filippo Bologna, Paolo Costella, Paolo Genovese, Paola Mammini, Rolando Ravello per Perfetti sconosciuti

Miglior produttore

Gabriele Mainetti per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore attrice protagonista

Ilenia Pastorelli per Lo chiamavano Jeeg Robot

Miglior attore protagonista

Claudio Santamaria per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore attrice non protagonista

Antonia Truppo per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore attore non protagonista

Luca Marinelli per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore autore della fotografia

Peter Suschitzky per Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Migliore musicista

David Lang per Youth – La giovinezza

Migliore canzone originale

“Simple Song #3” per Youth – La giovinezza

Migliore scenografo

Dimitri Capuani – Alessia Anfusi per Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Migliore costumista

Massimo Cantini Parrini per Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Migliore truccatore

Gino Tamagnini per Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Migliore acconciatore

Francesco Pegoretti per Il racconto dei racconti – Tale of Tales

Migliore montatore

Andrea Maguolo con la collaborazione di Federico Conforti per Lo chiamavano Jeeg Robot

Migliore fonico di presa diretta

Angelo Bonanni per Non essere cattivo

Migliori effetti digitali

Makinarium per Il racconto dei racconti – Tale of Tales

David Giovani

Giuseppe Tornatore per La corrispondenza

Miracolo Di Caprio! – I vincitori degli Oscar 2016

oscar2016

Sono stati svelati e premiati i vincitori degli Oscar 2016, i più famosi e prestigiosi premi del cinema americano e quindi internazionale. Una lunga cerimonia egregiamente condotta dal regista, attore, sceneggiatore e comico statunitense Chris Rock, che ha visto tante celebrità avvicendarsi su un palcoscenico d’eccezione, quest’anno dal design ispirato allo scintillante glamour della Hollywood degli anni settanta.

L’Oscar più importante della serata, quello per il miglior film, è stato vinto da “Il caso Spotlight, che ha ottenuto in totale due riconoscimenti.

Sbanca con  ben sei statuette (Miglior montaggio, miglior scenografia, migliori costumi, miglior trucco e acconciatura, miglior sonoro, miglior montaggio sonoro) il film “Mad Max: Fury Road” con estrema gioia del co-sceneggiatore, co-produttore nonché regista George Miller che ha dovuto rimandare la produzione del quarto film della saga per quattro volte. Pare che la lunga attesa l’abbia premiato, per sei volte!

Finalmente l’Oscar tanto atteso (più dal pubblico che dall’attore stesso, come ha recentemente dichiarato in alcune interviste) è giunto per Leonardo Di Caprio il cui talento viene alfine riconosciuto; una soddisfazione e liberazione per tutto il web che si è lasciato andare a festeggiamenti di ogni tipo, facendo di Di Caprio un vero eroe moderno.

Trionfa l’Italia con Ennio Morricone che ritira il premio per la “miglior colonna sonora originale” con il nuovo film di Quentin Tarantino, “The Hateful Eight, mentre niente da fare per “Simple Song Number 3”, brano di “Youth” di Paolo Sorrentino fra i candidati alla migliore canzone.

Insomma una notte che di certo non ha risparmiato sorprese.

Di seguito tutte le categorie e i vincitori.

Miglior film

Il caso Spotlight – VINCITORE
ilcasospotlight
La grande scommessa
Il ponte delle spie
Brooklyn
Mad Max: Fury Road
Sopravvissuto – The Martian
Revenant – Redivivo
Room

Miglior regia

Alejandro González IñárrituRevenant – Redivivo – VINCITORE
revenant-leo
Adam McKay La grande scommessa
George MillerMad Max: Fury Road
Lenny AbrahamsonRoom
Tom McCarthyIl caso Spotlight

Miglior attore protagonista

Leonardo DiCaprioRevenant – Redivivo – VINCITORE
dicapriooscar
Bryan CranstonTrumbo
Matt DamonSopravvissuto – The Martian
Michael Fassbender Steve Jobs
Eddie RedmayneThe Danish Girl

Miglior attrice protagonista

Brie LarsonRoom – VINCITRICE
48ae128d07338c73692941da7582830c9b00d49374c33aeb63f79e6add0b4173-400x300
Cate BlanchettCarol
Jennifer LawrenceJoy
Charlotte Rampling45 anni
Saorsie Ronan Brooklyn

Miglior attore non protagonista

Mark RylanceIl ponte delle spie – VINCITORE
Mark Rylance
Christian BaleLa grande scommessa
Tom HardyRevenant – Redivivo
Mark RuffaloIl caso Spotlight
Sylvester StalloneCreed

Miglior attrice non protagonista 

Alicia VikanderThe Danish Girl – VINCITRICE

Alicia Vikander
Jennifer Jason LeighThe Hateful Eight
Rooney MaraCarol
Rachel McAdams – Il caso Spotlight
Kate Winslet Steve Jobs

Trucco e acconciatura

Mad Max: Fury Road – VINCITORE

madmax
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
Revenant – Redivivo

Miglior sceneggiatura originale

Il caso Spotlight – VINCITORE
ilcasospotlight
Il ponte delle spie
Ex Machina
Inside Out
Straight Outta Compton

Miglior sceneggiatura non originale

La grande scommessa – VINCITORE
la-grande-scommessa-locandina
Brooklyn
Carol
Sopravvissuto – The Martian

Room

Miglior film straniero

Il figlio di Saul (Ungheria) – VINCITORE
figliodisaul
El abrazo de la serpiente (Colombia)
Mustang (Francia)
Theeb (Giordania)
A War (Danimarca)

Miglior film d’animazione

Inside Out  – VINCITORE
insideout

Anomalisa
Boy and the World
Shaun – vita da pecora
Quando c’era Marnie

Miglior montaggio

Mad Max: Fury Road – VINCITORE
madmax
La grande scommessa
Revenant – Redivivo
Il caso Spotlight
Star Wars: il risveglio della Forza

Miglior scenografia

Mad Max: Fury Road – VINCITORE
madmax

Il ponte delle spie
The Danish Girl
Sopravvissuto – The Martian
Revenant – Redivivo

Miglior fotografia

Revenant – Redivivo – VINCITORE
revenant-leo
Carol
The Hateful Eight
Mad Max: Fury Road
Sicario

Migliori costumi

Mad Max: Fury Road – VINCITORE
madmax
Carol
Cenerentola
The Danish Girl
Revenant – Redivivo

Miglior trucco e acconciature

Mad Max: Fury Road – VINCITORE
madmax

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
Revenant – Redivivo

Migliori effetti speciali

Ex Machina – VINCITORE
ex-machina-poster
Mad Max: Fury Road
Sopravvissuto – The Martian
Revenant – Redivivo
Star Wars: il risveglio della Forza

Miglior sonoro

Mad Max: Fury Road – VINCITORE
madmax
Il ponte delle spie
Sopravvissuto – The Martian
Revenant – Redivivo
Star Wars: il risveglio della Forza

Miglior montaggio sonoro

Mad Max: Fury Road – VINCITORE
madmax
Sopravvissuto – The Martian
Revenant – Redivivo
Sicario
Star Wars: il risveglio della Forza

Miglior colonna sonora originale

The Hateful Eight – VINCITORE
hateful_eight
Il ponte delle spie
Carol
Sicario
Star Wars: il risveglio della Forza

Miglior canzone

Writing’s On the Wall Spectre VINCITORE

Earned It50 sfumature di grigio
Manta Ray Racing Extinction
Simple Song #3Youth
Til It Happens To YouThe Hunting Ground

Miglior documentario

Amy – ViNCITORE
amy
Cartel Land
The Look of Silence
What Happened, Miss Simone?
Winter of Fire: Ukraine’s Fight for Freedom

Miglior corto documentario

A Girl in the River: The Price of Forgiveness – VINCITORE
agirlintheriver

Body Team 12
Chan, beyond the Lines
Claude Lanzmann: Spectres of the Shoah
Last Day of Freedom

Miglior cortometraggio

Stutterer – VINCITORE
Stutterer
Ave Maria
Day One
Everything Will Be OK
Shok

Miglior cortometraggio d’animazione

Bear Story – VINCITORE
bear_story_poster
Prologue
Sanjay’s Super Team
We Can’t Live without Cosmos
World of Tomorrow

Date una statuetta a quell’uomo! – Aspettando gli Oscar 2016

3150cd3f3d87bbfb59b7466b00fcb00bc8af552b9c30ab7d4398137bd7664a88

L’attesa è veramente alle stelle e manca davvero poco alla cerimonia dell’88ª edizione cerimonia degli Oscar che si terrà come di consueto presso il Dolby Theatre di Los Angeles.

A condurre la serata sarà, per la seconda volta, Chris Rock, già presentatore della 77ª edizione nel 2005.

Uno spettacolo dunque assicurato che in Italia potremo goderci su Sky Cinema Oscar (canale 304 della piattaforma satellitare) e in streaming HD su Sky on Demand, e novità di quest’anno anche free in chiaro su TV8 (ex MTV, sul canale 8 del digitale terrestre).

Praticamente non ci sono scuse per non seguire uno degli eventi più attesi nell’anno non solo da professionisti del settore, ma anche da veri amanti del cinema e perché no, dai fashion addict di tutto il mondo.

Sono 24 le categorie premiate e per ognuna solo uno potrà stringere tra le mani l’ambita statuetta d’oro, spalancando le porte dell’Olimpo dei vincitori, la massima consacrazione per registi, attori e tutte le figure che lavorano nella grande macchina dei sogni cinematografica.

L’attenzione è, però, focalizzata su due categorie in particolare legate curiosamente allo stesso film, quella di miglior attore protagonista e miglior film.

Per la prima è presto detto, il grande favorito è senza dubbio Leonardo Di Caprio: da tempo ormai un vero plebiscito popolare mondiale acclama l’attore come il più meritevole tra i candidati per una questione di simpatia e pregresse mancate vittorie e naturalmente per una interpretazione che ha sorpreso molti in “Revenant”. La battaglia è però ancora aperta visti gli altri contendenti al titolo di tutto rispetto (Bryan Cranston in “Trumbo”, Matt Damon in “Sopravvissuto – The Martian”, Michael Fassbender in “Steve Jobs”, Eddie Redmayne in “The Danish Girl”). Se davvero il buon vecchio Di Caprio non dovesse vincere, sicuramente in molti griderebbero al “GOMBLOTTO!”. E noi siamo davvero sicuri di riuscire a sopportare ancora una volta i suoi occhioni delusi che vedono salire sul palco un altro vincitore? Quindi date una statuetta a quell’uomo!

La massima categoria, quella del miglior film, vede tra i favoriti nella corsa al premio, il regista messicano Alejandro González Iñárritu (proprio con “Revenant”), che l’anno scorso ha trionfato con il film “Birdman”. Se dovesse vincere, sarebbe una prima volta nella storia degli Oscar, poiché non esistono precedenti per cui la statuetta di “miglior film” sia stata conquistata da due film diretti dal medesimo regista in due anni consecutivi.

Anche quest’anno ci sarà un po’ di Italia tra i possibili vincitori: il grande Ennio Morricone è tra i candidati nella categoria “miglior colonna sonora originale” per il nuovo film di Quentin Tarantino, “The Hateful Eight”, mentre “Simple Song Number 3”, brano di “Youth” di Paolo Sorrentino è fra i candidati alla migliore canzone.

Insomma un’edizione degli Oscar che sta davvero tenendo con fiato sospeso e che certamente sarà tra le più seguite.

E voi seguirete la diretta? Avete già scelto i vostri film e attori preferiti?

Anteprima “Il Ponte delle Spie”. Una strana mattinata al cinema.

cinema

La scorsa mattina io e Vin siamo andati all’UCI Cinema di Molfetta a vedere in anteprima nazionale “Il Ponte delle Spie”, il nuovo film diretto da Steven Spielberg, sceneggiatura di Matt Charman, Joel ed Ethan Coen, con Tom Hanks che interpreta il protagonista James B. Donovan.

Il film è ambientato degli anni della Guerra Fredda tra Stati Uniti d’America e Unione Sovietica durante la Guerra Fredda, e racconta le intricate vicende di catture di spie da entrambe le parti, scambi di prigionieri trattative portate ufficiosamente a termine dall’avvocato James B. Donovan che nonostante l’ardua impresa non è poi il classico “eroe” americano; è piuttosto una brava persona, un professionista con una rigida etica e morale che decide di fare la cosa giusta senza essere la marionetta nelle mani di una potenza.

Per la verità il film è abbastanza lungo (pure troppo), non aspettatevi azione, sparatorie, inseguimenti o cose del genere – tranne in una sola scena, e dico solo una –, preparatevi a lunghi dialoghi e alle solite quattro espressioni messe in croce di Tom Hanks che nonostante il la sua monotonia è promosso. In fondo tutto il film è promosso.

Diciamo che al posto del vecchio Tom ci avrei visto un altro attore un pochino più coinvolgente; tipo Vin ha pensato a Kevin Spacey, ma per me il buon Kevin è solo e soltanto Frank Underwood. Tutto il resto è nulla. Per caso state pensando che mi sto drogando di “House of Cards”? Ebbene sì!

Innegabile è la presenza del tocco di Spielberg: non so perché ma riposta alla mente l’eco di “Schindler’s list”; per non parlare del fatto che, ad un certo punto, ti chiedi: ma E.T. quando esce? Dai si fa per scherzare.

Insomma dal prossimo 16 dicembre, quando uscirà in tutte le sale, se siete indecisi su cosa vedere allora vi consiglio“Il Ponte delle Spie”. Ok sembrava un messaggio promozionale, ma non lo era affatto. Solo un consiglio.

La cosa che, però, mi ha più colpita è stato proprio andare al cinema di mattina. Non mi era mai capitato, ma come si dice c’è sempre una prima volta.

A parte un po’ di sonnolenza, è stato strano: i botteghini vuoti e illuminati dalla luce del sole, le sale praticamente deserte con pochissimo pubblico. Due o tre spettatori per fila, tanto silenzio, poco vocio, nessun “bimbo minchia”, nessun rumore molesto da ruminanti di porcherie, nessun occasionale cellulare. Praticamente la situazione ideale, così come ogni volta dovrebbe essere godersi un film al cinema. Una piacevole sorpresa. Da rifare sicuramente.

Nuove esperienze

cameras

 

Alla scoperta di nuove ed emozionanti esperienze a teatro.

Scrutare i preparativi, assistere alle prove e cogliere tutti i momenti prima che il sipario si apra e gli attori entrino in scena. Un mondo che fino ad ora avevo visto solo da spettatrice, seduta tra il pubblico.

Tutto grazie a VinBis. com e alla sua grande voglia di fare e intraprendenza. (Se siete curiosi e volete scoprire di più, date un’occhiata qui!)

Sono sicura che insieme riusciremo a raggiungere traguardi sempre più alti.

Pensiero cazzeggio – Ma non era solo marzo pazzerello?

image

Piove, guarda come piove, senti come piove, guarda come viene giù!
Mi sembra il caso di dire.
Avevo la testa china sul libro, con la mente immersa tra pensieri e concetti in uno studio che sembra non finire mai (shiuda, shiuduuuu – direbbe a questo punto il buon Giuliano dei Negramaro. Sì lo so, battuta pietosa, lo rocpnosco anch’io). Sento rumori strani alla finestra, alzo la testa e guardo praticamente il diluvio venir giù. Mi aspetto da un momento all’altro di veder passare sotto la finestra Russell Crowe, la sua barba, l’arca, gli animali, due coccodrilli, l’orangotango, serpenti, il gatto, il topo e l’elefante.
Ecco, è arrivata la pioggia e con lei la voglia sfrenata di non fare una cippa, la voglia di cazzeggio inutile e selvaggio.
E ciao.

Nuvole per me!

image

Volli, sempre volli, fortissimamente volli… Pop corn! Nuvolette fragranti, profumate e croccanti. Quando a casa mia si pronuncia “pop corn” nessuno sa dire di no. Tutti riuniti davanti ad una bella ciotola fumante. A volte nelle gelide serate domenicali i pop corn diventano la nostra cena preferita. Ieri sera non ho resistito e li ho preparati… Gammmmm!