Assalto ai saldi. Capitolo 1 ( e forse l’ultimo?)

 

 

Saldi. Lo so, ogni anno la stessa storia. Entusiasmo alle stelle che viene miseramente spento come si spegne una candela alla fine di una processione a Pasqua. Che bella immagine, vero? D’altronde tra poco è Pasqua e a Molfetta è risaputo che lo è ancor di più.

Ma lasciamo stare figure retoriche al retrogusto crepuscolare (cosa che manco Corazzini nei giorni migliori…) e torniamo alla realtà, alla mia amara realtà. Ammetto che quest’anno per cause di forza maggiore non mi son dedicata a cercare offerte, a scovare l’affare del secolo. Ma è pur vero che un paio di giri al centro commerciale li ho fatti. Risultato? Il mio portafoglio di sicuro è contento, il mio umore e il mio armadio un po’ meno.

Però c’è un momento esatto che mi ha fatto rendere conto che i saldi non fanno per me. E no, non è quello in cui vedi tutti attorno a te carichi di buste di acquisti, soddisfatti manco avessero conquistato il Nuovo Mondo. È il momento in cui varchi la soglia di Zara. Lì cambia tutto.

Avete presente quando in “Stranger Things” improvvisamente Will si ritrova nel sottosopra e si vede la città o la scuola in come se fossero in una bolla d’acqua, tutti che si muovono a rallentatore, suoni ovattati… ecco questa è la scena a grandi linee.

Io entro a Zara e mi sembra in essere in una bolla, i suoni giungono confusi, vedo solo persone che si tuffano in cumuli si abiti informi, uomini che attendono annoiati, donne cariche di roba in fila per un posto in camerino; altre in agguato attendono che la rivale lasci perdere la camicetta che aveva adocchiato. Sguardi in cagnesco, spinte per aggiudicarsi un posto tra le grucce, l’aria di superiorità di chi è già in fila alla cassa e sta per scappare con il bottino.

Ma quelli, anzi quelle, che mi fanno più tenerezza, quelle a cui davvero farei una carezza sussurrando “Tranquilla va tutto bene, non è che devi per forza comprare qualcosa, non sei diversa”, sono le ragazze che comprano un capo – che in verità assomiglia più a uno straccio – visibilmente datato, appartenente a non si sa quale vecchia collezione, roba che il “vintage” a confronto è cosa nuova. Bella de zia, va bene che è scontato del 70%, va bene che costa solo 9,99 euro, ma sappi che il buon gusto non è in saldo.

Morale della favola non ho ancora comprato nulla, pure i saldi di Zalando e Amazon mi hanno delusa ma non è ancora detta l’ultima parola.

Seguiranno aggiornamenti.

P.S. Un giorno vi farò vedere e sentire la mia interpretazione/imitazione di Winona Ryder che dice “Wiiiiiillll, dove sei Wiiiiilll!!!”. Solo per quella mi merito un Golden Globe!

Farfalle che si posano su rose di panna viola e altre strane idee. Happy b-day to me!

farfalle

Ok ok manteniamo la calma. Lo dico tutto d’un fiato, così fa meno impressione.

Oggièilmiocompleannoecompio27anni!

Chiaro no?

Dalla mezzanotte ho già ricevuto un numero considerevole di auguri e altrettanti “ste a fa vecchij!”, tradotto dal pugliese “stai invecchiando”. Ringraziando per gli auguri, bacini e baciotti rispondo riproponendo anche quest’anno la frase “non sto invecchiando, sono nel fiore degli anni”, che ormai mi accompagna da qualche compleanno a questa parte (come potete leggere qui). Un chiaro escamotage per illudermi che c’è ancora tempo per tutte quelle convenzioni sociali che inevitabilmente e dolente o nolente ti travolgono sulla soglia dei 30 anni, così come tutte quelle responsabilità che soprattutto i tuoi non vedono l’ora che ti assuma: per la serie “quando ti sistemi?”. Suvvia tutti abbiamo i nostri tempi.

Che poi che significa “sistemarsi”. Inevitabilmente si pensa al pacchetto matrimonio, famiglia e figli, e solo allora tua madre sarà soddisfatta, solo allora per lei sarai davvero una donna adulta; in fondo qui nel profondo sud è quello il quadretto ideale. Ma non per me. Non dico che rifiuto tale idea (anche se quella del matrimonio con fronzoli e spese spropositate assolutamente la allontano da me), ma non credo sia concretizzabile in un futuro realmente prossimo e non per mancanza di “dolce metà”, semplicemente per mancanza di stabilità, in primis economica.

Ma lungi da me tali pensieri seriosi in questa giornata che di festa non sarà, perché come ogni anno ribadisco con Agne “è un giorno come tutti gli altri” (semplicemente ti senti dare in maniera scherzosa e malcelata delle vecchia ogni 10 minuti, ma per fortuna avviene solo una volta l’anno). In verità mi aspetta una riunione e finalmente sarà svelata la prima probabile fregatura di questo inizio anno (i particolari qui).

L’unico pensiero festoso è per la torta di compleanno che ormai progetto da giorni. Voglio regalarmi una torta d’effetto, bella, affascinante, viola e sicuramente buona da condividere con chi vorrà farlo, con amici e parenti. Semplicemente perché quest’anno (dopo compleanni insignificanti) mi va così, perché voglio questo, voglio esprimere me stessa con una torta, donarmi una piccola gioia che passi dal gusto, dalla vista, dall’olfatto e arrivi dritta all’anima. Ebbene sì, ho anche disegnato la torta ideale. Spero solo che la realtà si avvicini anche in piccola parte all’immaginazione.

Vi lascio dunque qualche schizzo e disegni liberi come le farfalle che la scorsa notte volavano tra i miei pensieri per poi posarsi sul mio foglio bianco.

Ritrovata libertà. Quando smetti di essere un cane di Pavlov

Ariecchime qua. No, non sono sparita, diciamo che ero momentaneamente nascosta ma con occhio furtivo osservavo il mio blog. I vari impegni nel “mondo reale” mi hanno assorbita troppo; anche perché sono successe un po’ di cose, quegli avvenimenti che ti portano a riflettere e talvolta a riconsiderare molti aspetti della tua vita. Ti ritrovi così da un giorno all’altro a dover cercare un nuovo equilibrio che sostituisca quel già instabile equilibrio che poco prima avevi creato. E già che ci sei passi in rassegna anche altri aspetti, dai più frivoli ai più significativi con il proposito, forse vano, di riorganizzare i tasselli ( e lo so che questo verbo detto da me sembra un paradosso, ma suvvia concedetemelo). Tra le tante cose riviste c’è anche il blog: sto pensando ad un rinnovamento, un “restyling” (sì giusto per fare i fighi…) che sia significativo, senza però tradire o stravolgerne l’essenza. Naturalmente il presupposto è essere presente con più assiduità, far vivere il blog e non farlo assopire così come ho fatto finora. Quindi mi rimbocco le maniche e al lavoro!

tutta-la-vita-davantilocandina

Tra le novità significativa degli ultimi mesi, anzi oserei dire  “LA NOVITÀ” (con un maiuscolo bello grande, talmente grande da sembrare una caricatura), vi è il mancato rinnovo del mio contratto di lavoro! Dal primo ottobre sono ufficialmente disoccupata. Il punto è questo, tale notizia ha provocato in me due reazioni agli antipodi: la prima stupore e meraviglia che con i giorni si è trasformata nell’ordine in perplessità, scetticismo, sospetto, curiosità, nervosismo, istinto da sindacalista, investigatrice; la seconda reazione, in realtà contemporanea alla prima, è stata sentire un grande senso di liberazione, finalmente slegata da una situazione che mi stava stretta, che non mi apparteneva, che mi soffocava. Insomma fino a quando non ci sei e ci vivi quotidianamente in un call center non hai la minima percezione di quello che è realmente dietro a quei quattro rompi palle/poveracci che secondo l’immaginario collettivo giornalmente ti chiamano al telefono per importunare e tentare in tutti i modi di fregarti con prodotti di dubbio vantaggio. Sia chiaro, gli approfittatori e gli incompetenti sono dappertutto, ti giri e puff spuntano come funghi (e di incapaci e incompetenti ultimamente ne ho incontrati parecchi). Dietro quei poveracci che passano dalle 4 alle 8 ore al giorno a ricevere telefonate di clienti insoddisfatti, repressi, psicolabili, nevrotici e ignoranti c’è tutto un mondo fatto di regole, tempi da rispettare, obiettivi da raggiungere, antipatie e simpatie, corsi di aggiornamento, orari improponibili, strategie segrete di team: è un mondo che ti logora, ti snerva, limita il tuo raggio di azione e pensiero. Non desideri altro che la giornata lavorativa finisca, che la stessa settimana finisca mentre quella misera pausa di 15 minuti ti sembra l’unica ancora di salvezza per non impazzire, per respirare aria pulita, per vedere qualcosa che non sia solo un monitor e una tastiera dietro un paravento che per quanto sottile ti isola dagli altri.

Avete presente il film “Tutta la vita davanti” di Paolo Virzì uscito nel 2008? Nulla di più vero e vicino alla realtà. Una sala immensa, persone che parlano e parlano davanti a uno schermo e che non di rado perdono la pazienza, i cosiddetti “team leader” che spronano, incitano, sostengono e quasi sempre urlano di stringere i tempi e vendere, tentare! E per incitare cosa si inventano? Gare interne al call center in cui vincere premi strambi o buoni carburante che non ti dureranno nemmeno una settimana. Ma quando si vince (io non ho mai vinto nulla, che si sappia…) ci sono applausi a destra e a manca, foto con i responsabili del sito, classifiche e nomi sbandierati che sembrano esaltare, galvanizzare e caricare solo alcuni, escludendo chi è lì per necessità, chi vede l’inutilità di questa “droga” momentanea che agisce sull’autostima. Un po’ come gli esperimenti di Pavlov, in maniera molto vaga, del riflesso condizionato: metto davanti a te un premio X e per raggiungerlo tendi a dare tutto te stesso, a sfiancarti di lavoro, anche evadendo qualche regola, anche vendendo ai tuoi familiari e amici più cari pur di conquistare il premio e ricevere quel mezzo minuto di applauso che risuonerà in tutta la sala.

Idioti. Cerebrolesi. Non mi viene in mente altro. Per questo la seconda reazione è stata quella predominante, la consapevolezza di non essere più un cane di Pavlov e poter rincorrere ancora e sempre i miei sogni e obiettivi. Primo tra tutti? Questa “benedetta” laurea!

Assalto ai saldi. Capitolo 1

 

Sono iniziati i saldi. Non so se dire per fortuna o rimanere in un tacito atteggiamento di indifferenza. Ammetto che alla notizia dei saldi anche io inizio un po’ a gasarmi, mi preparo facendo una lista di ciò che mi serve, dei negozi da visitare in cerca dell’affare del secolo e mi immagino tornare a casa come una paladina vittoriosa che mostra i cimeli di battaglia, tante buste piene di capi e oggetti vari (a volte privi di senso e inutili), conquistati sgomitando tra i suoi nemici più agguerriti, orde di donne in preda alla febbre dello shopping.

Tutto avviene nella mia fantasia, nella realtà nulla di ciò. Nella realtà più crudele torno a casa stanca e a mani vuote, o quasi.

5 gennaio, ore 10.00 inizia la mia corsa ai saldi con lui che è stato tanto carino da accompagnarmi, anche perché voleva comprarsi un cappotto nuovo. Abbiamo girato mercati, centri commerciali, outlet, siamo entrati e usciti da negozi piccoli e grandi; abbiamo pranzato anche fuori per non perdere tempo e ritmo, abbiamo fatto lunghe code per cosa? Un paio di coulotte, due collane e un paio di orecchini! Questo il mio misero bottino. Lui alla fine il suo bel cappotto costoso lo ha trovato, fortunatamente, magra consolazione per me.

Il bello è che quando entro in un negozio e rovisto tra la merce in saldo, non trovando nulla mi fiondo generalmente tra gli scaffali delle nuove collezioni e così addio spirito dei saldi e risparmio!

Però è solo l’inizio! Tornerò, scenderò ancora sul campo di battaglia! Voglio il mio prezioso cimelio, voglio il mio affare da saldi. Lo pretendo!