Una reflex per me può bastare

reflex canon eos 600d

 

È giunto il momento di fare le presentazioni ufficiali.

Con viva e vibrante soddisfazione (ditemi che avete capito il riferimento!) ho il piacere di presentarvi la nuova arrivata in casa mia. La mia bambina! La mia nuovissima reflex Canon EOS 600D. In realtà è quasi un mese che è entrata nella mia vita (e che il mio portafoglio si è svuotato – ma lasciamo stare queste faccende basse e venali). È successo tutto all’improvviso, tutto in quella giornata incredibile (il 6 giugno): giro in bici, sole, una strana e piacevole ondata di cordialità tra la gente, per strada, con gli impiegati del comune e della banca; energie positive tangibili, la chiamata per il lavoretto da inventarista e l’ingaggio al giornale. Poi, quasi a fine giornata, la reflex che arriva improvvisa. L’avevo notata sul volantino di una nota catena di elettrodomestici che avevo trovato tra la posta quella mattina. Era da tempo che tra i miei neuroni girava e rigirava l’idea di cambiare macchina fotografica, di liberarmi di quella insopportabile Nikon compatta, quel catorcio dalle foto perennemente mosse e prive di vita; una macchina fotografica realmente e sempre odiata, tanto che preferivo non usarla e fare le foto col cellulare o chiedere la macchina fotografica bellissima del mio Lui. Lo so, a questo punto vi starete chiedendo per quale motivo io abbia comprato quella Nikon maledetta; ma quella è un’altra storia, altri tempi. Ammetto che talvolta la scarsa qualità delle mie foto in parte dipende da me, dal fatto che le immagini e le foto non sono mai state il mio forte, ma il fatto di avere una fotocamera che nella resa non mi aiutava a provare e migliorarmi mi snervava e demotivava.

Dunque una nuova macchina. Ma quale? Una compatta? Una reflex? E che me ne faccio io di una reflex? Solo una certezza, una Canon. Semplicemente perché volevo cambiare (ho il trauma da Nikon io – suvvia scherzo), semplicemente perché Lui è ossessionato dalle fotocamere e videocamere Canon e un po’ di quella sana ossessione me la sta trasmettendo.

Quel giorno ci siamo visti nel tardo pomeriggio e gli ho accennato alla reflex del volantino che non sembrava male. Naturalmente Lui non ha perso tempo e si è diretto verso il centro commerciale e appena ha visto la Canon ha detto senza titubanze: “O la compri tu, o la compro io, o la compiamo insieme, o meglio ne compriamo due, puoi scegliere”. In aggiunta c’era anche il commesso che mi ripeteva che era un affarone, che rimanevano pochi pezzi e forse se avessi aspettato il giorno successivo non avrei trovato più quella macchina fotografica. Potete immaginare la mia confusione più totale. Ma come, io volevo solo una nuova fotocamera, una compatta, una caruccia (nel senso di graziosa, perché naturalmente si cerca di andare al risparmio), qualcosa di maneggevole e facile da usare e invece mi stavo accingendo ad acquistare una reflex. Mille domande e dubbi nella mia testa. Valeva davvero la pena spendere tutti quei soldi (dato che le entrate in questo periodo latitano), e se l’avessi comprata per poi non usarla, e se non avessi mai imparato ad usarla, però poteva essere un investimento per il mio percorso professionale, con una reflex avrei ampliato le mie possibilità, comprandola sarebbero terminate le mie lamentele sulla Nikon maledetta; e se non fosse stato quello il modello giusto per me, se dovevo optare per altri modelli. Di certo se l’avessi comprata e non usata non sarebbe mai rimasta a prender polvere in un angolo ma avrebbe trovato le mani esperte di Lui che l’avrebbero trattata da regina.

Improvvisamente in un attimo di lucidità, o forse di acuta follia, ho detto sì, la compro. In breve abbiamo chiamato il commesso, compilato la bolla, pagato e finalmente quella scatola era tra le mie mani. Giuro che in quel momento, con la scatola in mano, mi veniva da piangere mentre ero presa in preda ad una risata isterica, camminavo avanti e indietro per il negozio e Lui mi spingeva verso l’uscita (so che lo avete pensato… Una cretina? Giusto!). Per tutta la sera e il giorno dopo ho continuato a ripetermi “Ma io ho una reflex? Sì abbiamo una reflex, abbiamo veramente una reflex!”. Poi ne ho preso coscienza e sono tornata in me (per quello che si può). Conseguentemente si è attivata la modalità “scattiamo foto a qualsiasi cosa animata e non, anche a l’aria fritta”. Sto cercando di fare pratica anche grazie al mio libretto delle istruzioni vivente, cioè Lui, il mio guru della fotografia; anche perché per me ci vorrebbe un libretto per capire il libretto delle istruzioni.

La cosa che ormai mi sta scioccando da quando ho la reflex è una domanda ricorrente che mi è stata posta e continua a essermi posta da diverse persone: ma la stai usando? Secondo voi io spendo 400 euro per comprare una macchina fotografica per poi non usarla? Lo so che il mio amore per la fotografia è appena nato e che prima era difficile vedermi con una fotocamera in mano, ma meravigliarsi del fatto che stia usando la reflex mi lascia sbigottita. Forse non sono credibile come fotografa da strapazzo? (Va be’ che anche così non è che sia molto credibile, ma andiamo oltre)

Lui, invece, dice che ormai ha creato un mostro solo perché se in giro vedo persone con una reflex in mano inizio ad osservarle, a indagare che modello usano, a comparare la loro macchina con la mia, oppure guardo gli obiettivi senza criterio pensando che più è grande e meglio è (poi dicono che le dimensioni non contano) senza nessun criterio e rigore di logica. Una invasata, praticamente.

Intanto seguo il mio istinto, scatto foto con l’entusiasmo di una bambina con il suo nuovo e prezioso giocattolo, vivendomi quell’emozione racchiusa in un clic.

 

P.S. Voglio precisare che nonostante l’entusiasmo non darò mai un nome proprio alla reflex, né tanto meno al pc o al tablet o allo smartphone. La trovo una moda ridicola.

Annunci

Pensieri dal mio letto – l’evoluzione della specie Sibyl e prove tecniche di trasmissione

Signore e signori udite udite… mi sono evoluta. Dopo dure resistenze, dopo varie titubanze, dopo valutazioni ponderate (anche di natura economica), dopo aver messo da parte l’attaccamento affettivo che per lungo tempo e avventure mi ha legata a lui, ebbene sí, ho messo da parte il mio caro e fedele Nokia per passare al lato oscuro della telefonia, nonché della nemica tecnologia. Ok in parole povere “mi son fatta” un bello smartphone con tanto di touch screan. E questo post non é altro che il primo tentativo di aggiornamento, naturalmente direttamente dal mio letto. Senza tralasciare l’ormai irrinunciabile borsa dell’acqua calda elettrica che mi riscalda a piccole porzioni (ma verrà il giorno in cui “mi faró” una di quelle belle coperte termiche, quelle che ti cuociono lentamente e se sei fortunato non ti fanno morire elettrizzato). Per ora il tentativo sembra procedere abbastanza bene, se escludiamo i due casi in cui il dito ha preso il volo e mi ha sbattuta fuori dall’applicazione e naturalmente tralasciando le boiate e parole incomprensibili varie che a cazzo escono fuori da questo frenetico digitare. Immancabile come accade ormai da un pò di sere la mia rilassante lampada per la cromo terapia che diffonde una rilassante luce blu in tutta la stanza (regalo graditissimo del mio fantastico ragazzo, forse con l’implicito invito a rilassarmi e darmi una calmata? Probabile, intanto la luce rossa l’abbiamo provata…).
Inutile dire che tra le tante applicazioni per android una delle prime che ho installato é niente popo di meno che Ruzzle! Finalmente (o per meglio dire sfortunatamente) anche io sono entrata questo tunnel, in questa spirale di dipendenza da punti e parole. Il problema maggiore é che per quanto io “viva” di parole, in questo dannato giochino sono una schiapppa. Sí, avete capito bene, io a Ruzzle sono una sega, una pippa! Insomma ci siam capiti. Ma io non mi arrendo, con un pò di duro allenamento posso farcela. Mah…
Dunque termino qui questa sessione di test, prima che mi addormenti con la faccia incollata al telefono, mentre la borsa dell’acqua calda continua a ribollire.
Passo e chiudo.

E venne il momento dell’iPhone 5… (per quanto ancora potranno allungarlo?)

Il giorno tanto atteso è dunque giunto!

La terra ha tremato, i cieli si sono aperti, le acque evaporate, ed un lampo giunto repentino tra noi ha portato l’oggetto del desiderio: l’iPhone 5!

È lui o non è lui? Certo che è lui e finalmente, dopo un tartassamento mediatico, sussurri, indiscrezioni, fughe di notizie, immagini rubate, inventate dalla mente di paranoici della mela morsa e chi più ne ha più ne metta. Lo scorso 12 settembre si è finalmente aperto il sipario e tutti hanno ammirato la neo creatura. Tutti a bocca aperta? Non proprio tutti. C’è chi ha subito arricciato il naso. Alla Apple non sanno più cosa inventarsi, e allora perché non allunghiamo un po’ in vecchio 4s? Ma sì, tira un po’ qui, poi l’anno prossimo tira un po’ lì, poi assottiglia un po’ qua, una piallata là, una lucidata… oddio ma è un iPad?

Certo le migliorie sono tutte all’interno, in quel guscio di alluminio e vetro zaffiro che si spera non sia bello croccante se no alla prima bottarella son dolori.

Però, diciamoci la verità, all’utente e compratore medio-basso di questo mini investimento patrimoniale poco interessa cosa c’è dentro, se il sistema operativo ha messo il turbo, se ci hanno inserito una serie di formiche lavoratrici dopate che spostano in frazioni di secondo applicazioni o zoomano seguendo il movimento rapido delle dita del proprietario. L’importante è che quel “benedetto” pezzo di vetro e metallo che hanno tra le mani si colleghi a facebook, abbia Instagram che rende carine e vintage anche le cagate fotografate e se mai ci spruzzi addirittura una leggera fragranza di mughetto; ciò che conta sono i giochini con le dita che pinciano, strisciano, allargano, squartano, smicciano, pisciano… insomma ci siamo capiti.

E poi avere l’iPhone, come ho letto in vari siti, è acquisire un modus operandi, una filosofia di vita, una visione nuova e rivelatrice della realtà, anche se lo si usa semplicemente per chiamare la mamma per avvisarla di “buttare la pasta” che siamo sulla via del ritorno (tipica espressione popolare).

Mentre i numeri delle vendite arrivano a cifre esorbitanti, le parodie si moltiplicano a dismisura, il titolo in borsa impenna verso l’alto e il gregge si appresta a scannarsi per accaparrarsi l’ultimo pezzo, impazzano i due schieramenti battaglieri, l’uno a favore della mela, l’altro porta alto il vessillo coreano del Samsung S3. Una battaglia all’ultimo sangue, a colpi di pixel, design, velocità, potenza, nitidezza delle immagini, applicazioni tra le più inutili al mondo, senza considerare la battaglia delle vendite, dei costi, dei brevetti, e perché no, della resistenza.

Insomma quando finiranno di tediarci? Ai posteri l’ardua sentenza.

Io per ora resto fedele al mio Nokia. Tiè!

Prove tecniche di trasmissione

1, 2, 3… Sa sa… Prova, prova… Prove tecniche di trasmissione…
Allora questo è un esperimento di alta tecnologia per me. Praticamente sto cercando di scrivere un post dal mio smartphone. Che detto così potrebbe sembrare io abbia chissà quale apparecchio di ultima tecnologia, del tipo che invece di pigiare lo schermo con le dita utilizza un raggio laser puntato sulla mia fronte che riesce a leggere i miei pensieri e trasferirli in questo post… Bene, nulla di tutto questo. Sto scrivendo dal mio mero, ma caro, nokia E5 con una tastiera qwerty (bello scrivere delle lettere in successione sulla tastiera che non hanno un senso…). Altro che iPhone e compagnia bella… Un vero esercizio per le mie dita! (Poveracce…) Però anche che così riesco a scrivere tanto, o almeno è questa la percezione che riesce a darmi lo schermo piccino picciò. Fa niente, mi accontento se questo è il modo più veloce e semplice di aggiornare il blog… E lo so che ultimamente sono assente da questo mio regno, ma la vita reale richiede la mia presenza. Soprattutto ora.
Ora che lui ha più bisogno di me, ora che la sua famiglia si sta sgretolando e io sono il suo punto di riferimento più stabile.
Ma non è semplice. Non è sempre semplice stargli accanto. Forse sono io che talvolta non so come fare, cosa dargli… Sentirsi inutili, impotenti, non c’è sensazione più spiacevole.
La mia vita è piena, piena di avvenimenti che accadono, maturati dal tempo e circostanze pregresse; cose che si succedono veloci e che talvolta sfuggono al mio controllo. Eppure cosa è l’eco che a volte sento dentro me. Una voce che sbatte sulle pareti di un io vuoto…