Blue Monday: oggi Leopardi festeggerebbe!

tristezzaOggi è il “Blue Monday”, dicono, il giorno più triste dell’anno. Addirittura il tutto sarebbe riconducibile ad una equazione matematica, messa a punto una decina d’anni fa da uno psicologo inglese, Cliff Arnall, che individua nel terzo lunedì di gennaio il giorno con un particolare picco di tristezza e depressione.

A determinare questo “fenomeno” ci sarebbero una serie di congiunture come condizioni meteorologiche avverse, giornate ancora troppo corte, le ferie e i festeggiamenti natalizi ormai alle spalle, i sensi di colpa per essersi abbuffati come se non ci fosse un domani durante le feste, il portafoglio che piange vuoto, e il lavoro e la routine ricominciata inesorabilmente.

Quindi io, che ho un rapporto profondamente conflittuale con la matematica in qualsiasi sua declinazione, dovrei credere che per una strana equazione dovrei trascinarmi inerme durante questa giornata e forse per tutta la settimana in preda a una tristezza profonda. Tipo che oggi Leopardi per risposta sarebbe la persona più felice del mondo, mandando a quel paese tutto il pessimismo cosmico.

Il problema non è tanto che qualcuno un giorno per sue strane elucubrazioni abbia deciso che ogni terzo lunedì di gennaio tutti dovremmo essere terribilmente infelici, quanto le persone succubi di tale diceria. Su facebook (che ormai agli istituti di ricerca e statistica potrebbe fare un baffo) oggi proliferano stati tristi e sul depressivo andante; molti hanno smesso di dare la colpa del proprio malessere a stelle e oroscopi per concentrare le proprie bestemmie su questo giorno X e la sua tristezza: come se un’armata aliena proveniente dal pianeta Infelicità avesse invaso la Terra colpendo tutti col proprio raggiogammacosmicotristezza. E quando vedi scritto “Ah ecco perché oggi mi sentivo particolarmente giù…” allora vorresti urlare e andare ad ubriacarti con Leopardi alla faccia di tutti.

Ho voluto andare a fondo alla questione e la fregatura si è subito palesata. Tutta questa manfrina del giorno più triste dell’anno è legata alla “furba campagna pubblicitaria lanciata alcuni anni fa dal canale di viaggi britannico Sky Travel della tv BSkyB”. Della serie: se siete tristi per tutte le motivazioni sopra fornite, allora ritrovate il buonumore con i nostri servizi, fatevi un viaggetto, guardate i nostri fantastici canali a pagamento e pace.

Suggestione, questa la parola d’ordine di oggi. Niente di più che una trovata pubblicitaria per influenza le scelte di acquisto e consumo; un po’ come la festa di san Valentino, quella della mamma e del papà, la new entry della festa dei nonni, e mettiamoci pure Natale e tutte le feste comandate.

In sostanza, cari depressi cronici, oggi non c’è nessun capro espiatorio per voi, niente commiserazione, nessuna giustificazione.

 

Annunci

Je suis Charlie

Je-suis-Charlie

Primo post di un nuovo anno. Un anno che sembrava essere iniziato bene, con un pizzico di fortuna che davvero non guasta, ma che invece si è rivelato traditore.

Avrei voluto iniziare il nuovo anno con un post diverso, un post leggero, anche un po’ frivolo, magari facendo un resoconto delle abbuffate di queste festività, parlando dei saldi iniziati già da qualche giorno, parlando di una insolita nevicata che ha coinvolto la mia Puglia e ha scombussolato i piani per Capodanno. Invece no.

Decido di esordire in questo nuovo anno e in questo giorno drammatico con una frase:

Je suis Charlie.

L’orrore dell’attentato di Parigi mi ha lasciata sgomenta, inorridita. Da giornalista, da persona, da donna.

Un colpo durissimo al giornalismo, ad un’informazione che si è sempre professata laica, forse anche atea, ma per lo meno libera. Libera di esprimersi con parole, con disegni, con vignette, con qualsiasi mezzo di comunicazione, attraverso la satira, l’ironia che spesso feriscono ma non hanno mai ucciso nessuno.

Si sa, la satira, soprattutto quella più spinta e spregiudicata, valica talvolta una linea che è limite solo per chi rimane fermo e immobile nelle proprie idee. Non è una questione di rispetto o meno, semplicemente punti di vista che vanno e devono essere rispettati. E oggi si è andati oltre il limite del rispetto della pluralità di pensiero e visione. Folli estremisti che rivendicavano l’offesa arrecata alla propria religione hanno rotto e macchiato di sangue quel rispetto. Nel modo più definitivo ed atroce, una censura al limite dell’immaginabile che fa apparire i roghi di libri proibiti dall’Inquisizione cinquecentesca solo falò per arrostire salsicce.

Anche noi siamo Charlie Hebdo oggi, indignati, inorriditi, ma con la bocca mai chiusa e la testa alta.

Anche noi oggi alziamo le nostre matite al cielo.