Che l’impacchettamento compulsivo abbia inizio! -5!

-5

Oggi sono un po’ in ritardo, lo so (per me è normale amministrazione, purtroppo). Questa mattina ho dovuto comporre, fotografare ed editare la foto mentre mi destreggiavo tra telefonate, persone incompetenti, ecclesiastici assenti (fosse per me ne avrei fatto volentieri a meno) per l’inaugurazione della sede di domani. Spero vada tutto bene e che qualcuno non faccia una delle sue solite uscite (giuro che domani quella la strozzo!).

Torniamo a noi invece. Mancano solo 5 giorni a Natale e sale la febbre dei regali. Devo comprarne altri tre importanti, di cui due non ho la minima idea su cosa scegliere. E forse devo aggiungere un quarto regalo per mia madre, dato che i profumi che avevo ordinato da una azienda sono arrivati con corriere due giorni fa naturalmente quando lei era in casa. Dunque la sorpresa è andata a farsi benedire.

Per gli altri regali, invece, inizia la fase di impacchettamento compulsivo ossessivo. Sì, perché quando vado a comprare i regali il più delle volte non me li faccio incartare: sarà che odio aspettare mentre la commessa imbranata cerca di capire come posizionare la carta, o dove sia il punto di inizio del nastro adesivo con le unghie lunghe mezzo metro naturalmente laccate/ricostruite e nella maggior parte dei casi decorate con mancanza di buon gusto ( e pure di buon senso); sarà invece che le confezioni fatte direttamente nei negozi quasi sempre sono scialbe e deludenti; sarà anche che fare i pacchettini mi piace. In fondo cosa c’è di meglio che impacchettare un regalo pensando alla persona che lo riceverà, al momento in cui con perizia o con foga aprirà la confezione e sarà palese la sua reazione: è proprio quel secondo, quell’attimo in cui l’oggetto è libero dalla confezione che appare sul volto del destinatario quell’espressione fuggevole che è specchio di ciò che pensa davvero. Ciò che viene dopo è solo un susseguirsi di parole ed espressioni di circostanza. Scontato è parlare della soddisfazione tutta personale per aver centrato il bersaglio, il regalo giusto.

Come ormai succede da qualche anno, io e il mio lui qualche giorno prima di Natale presi dalla curiosità (in verità è più la mia che la sua), ci diamo reciprocamente degli indizi per cercare di comprendere il regalo fatto dall’altro. Questa cosa è nata due anni fa quando a Natale, davanti a tutta la famiglia riunita, successe questo. Quest’anno mi sta facendo credere che il regalo sia una planetaria, che mi farebbe pure comodo e piacere, ma conoscendolo mi sembra improbabile che mi abbia fatta arrivare alla soluzione così facilmente, lui che si ritiene lo specialista dei regali e delle sorprese. La questione però è tenere a freno la mia fervida curiosità, compito davvero arduo.

Quest’anno per Natale il suo regalo sarà… non te lo dico! Perché lo so che starai leggendo, con la speranza di raccogliere nuovi indizi. Anche qui propongo gli indizi che tu (al mio lui) conosci già:

  • Ti tiene sveglio, ma non è una sveglia
  • Puoi usarlo in casa, ma non serve alla casa
  • È rassicurante e avvolgente.

Se qualcuno passasse di qui e volesse provare ad indovinare il regalo, mi farebbe piacere se lasciasse un commento qui sotto.

 

P.S. Stamattina ho impastato il pane, ora sta lievitando. Vi terrò aggiornati.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...