Pensiero cazzeggio – Nuove posizioni

image

Tra poco si va a nanna. Ultimamente ho assunto una nuova e strana posizione per dormire, soprattutto quando il sonno mi assale nell’ora della “siesta”, nell’ora che che qui viene definita ” dell’abbiocco”. Sì, il momento dopo il pranzo in cui la digestione rallenta qualsiasi movimento corporeo, le rotelline del cervello si bloccano, la vista si annebbia e si sviluppa una sorta di inspiegabile magnetismo con il letto. Così ti adagi dolcemente sul candido giaciglio ripromettendoti che ci resterai “solo” 10 minuti, che si trasformano in una diplomatica “mezz’oretta” (illusione! Sai bene non sarà così). Ed ecco che scatta la posizione. Stesa sul lato sinistro, prendi un altro cuscino e praticamente lo abbracci, stringendo un angolo inferiore tra le gambe, un angolo superiore posizionato sotto il mento. Il braccio destro circonda il cuscino finendo con la mano a penzoloni fuori dal letto, mentre il braccio sinistro spunta a metà dalla parte superiore del cuscino e termina con la mano semichiusa appoggiata sulla fronte. Tendenzialmente col sopraggiungere del sonno si “addormenta” anche il braccio sinistro con quel caratteristico formicolio; ma poco importa perchè in quel momento sembra la posizione più comoda in assoluto. Naturalmente durante il sonno capita di girarsi sul lato destro mantenendo sempre le stesse posizioni solo con lati inversi. La posizione supina è raramente contemplata.
Come sia arrivata a questa posizione inusuale per me non saprei dire. Così come non saprei spiegare come la stessa non venga adoperata di notte.
L’inutilità di questo post è al confine tra il disarmante e la più spicciola frivolezza. Ma d’altronde concedetemelo, il “pensiero cazzeggio” si alza leggero quando la mente si rifiuta di pensare, quando le questioni che ogni giorno ci opprimono si trasformano in palline di carta piccine piccine da lanciare lontano con un colpo d’indice, quando i pensieri più spiccioli ci conducono in un universo tutto nostro. Prima o poi scriverò un’ode dedicata al “pensiero cazzeggio” (quale grande prodotto letterario sarà!).
Ora non mi resta che scivolare tra le braccia di Morfeo.
Buonanotte.

Annunci

Pensiero cazzeggio – (omissis)giorno

Svegliarsi la mattina alle 6:30 per iniziare a lavorare alle 8:00. Una tortura, un crimine verso l’umanità Sibyl che lotta incessantemente contro insonnia, sonno perduto e mai trovato e quello stato semi-comatoso di un cervello che proprio non vuole saperne di svegliarsi; il tutto corredato dalla tipica andatura claudicante in stile zombie in cerca di cervelli da divorare. In tale stato il distributore automatico di caffè diventa un’oasi di salvezza. Per di più se riesci a mettere insieme 35 centesimi in 7 monete da 5 centesimi che giacciono solitarie nel tuo portamonete vuoto per riuscire a prendere un caffè lungo (rigorosamente senza zucchero), allora pensi che la giornata possa prendere una piega migliore. Forse il karma ti sorride, forse qualcuno lassù esiste e ha avuto pietà di te. L’apoteosi arriva con la sigaretta, la prima della giornata ma che tiri come se fosse l’ultima di un condannato a morte. Il rituale del risveglio si è concluso, gli occhi sono completamente spalancati verso un nuovo giorno.
Bene!
Ora cortesemente qualcuno dica al cervello di darsi una mossa!

Primo agosto (in sintesi)

Post scritto il primo agosto sul “quaderno delle idee e ispirazioni” ma solo oggi ho potuto riportarlo qui sul blog. Quindi fate due piccoli passi indietro e tanti auguri! 

 

Pessimo inizio di giornata al lavoro: sembrava la carica degli idioti (rompipalledamandarealdiavolo!).

Il dente del giudizio mi sta perforando la guancia destra: se non serve a nulla perché spunta? (Fino a quando qualcuno non mi fornirà una spiegazione logica e soddisfacente non avrò pace, sappiatelo)

Fa troppo caldo, è troppo umido: dicono che il peggio debba ancora arrivare. Estate quando finirai di tormentarci?

Ho terminato il credito nel cellulare: devo andare urgentemente a comprare una ricarica se no la 3 non mi riattiva le soglie. (Se vedessero la soglia della mia pazienza in questo momento le riattiverebbero subito)

Non posso andare a comprare la ricarica: attento la sentenza del processo Mediaset.

Le dirette televisive stanno per cominciare: su Italia1 sono tutti concentrati per la partita del Milan con una squadra sudamericana non ben definita, almeno per me. (Quando si dice esorcizzare la sorte)

Durante l’attesa nell’aula di tribunale il carabiniere improvvisa un balletto alla YMCA: i Village People se so’ persi un pezzo? Aripigliatevelo prima che diventi il nuovo tormentone.

Entra la Corte.

Assaporo il nuovo succo di frutta ananas-cocco: certo che Don Simon sa il fatto suo.

Berlusconi è condannato.

Grandi Mentana e Travaglio su La7.

L’esercito di Silvio accampato fuori da palazzo Grazioli esulta: stavano seguendo la partita del Milan che ha segnato.

Ora posso andare a comprare la ricarica.

Confermata la condanna a quattro anni di reclusione, in molti sono convinti che chiederà i domiciliari: la Pascale e il barboncino sicuramente non vedono l’ora di averlo tutto il santo giorno a casa. Evviva!

Grillo dice che è un evento equiparabile alla caduta del muro di Berlino: qualcuno lo avvisi che la sua credibilità è caduta da un pezzo.

In molti attendono la cacciata di mr Berlusconi dal Senato.

L’interdizione dovrà essere quantificata in appello: date alla Corte un abaco con palline infinite.

Si apre il televoto per scegliere in nuovo grande perseguitato: dopo Gesù, gli Ebrei, Dante, Andreotti, Berlusconi, manda un sms per scegliere la nuova vittima sacrificale.

In molti ipotizzano l’affidamento di Berlusconi ai servizi sociali: alzi la mano chi ha visualizzato la tipica scena da film americano, quella in cui malviventi in tutone arancione e catene alle caviglie raccolgono rifiuti ai cigli di superstrade con l’asfalto rovente. (Ho alzato la mano)

Dicono che gli sarà ritirato il passaporto: perché invece non gli diamo un bel biglietto di sola andata per quel paese?

Sto sentendo una leggera fame. È più voglia di qualcosa di buono.

Mi sta venendo voglia di cucinare.

Ok stasera polpettone farcito al forno, vado ai fornelli.